L’Unione Europea prolunga l’uso dei combustibili fossili, dell’energia nucleare e dell’agricoltura industriale

Free picture (Gas bills) from https://torange.biz/gas-bills-38468

Secondo Greenpeace i leader UE stanno facendo marcia indietro sulle misure per affrontare l’aggravarsi della crisi climatica e ambientale.

«Invece di smettere di finanziare la guerra di Putin ponendo fine alla dipendenza dell’Europa dalle fonti fossili, i nostri leader hanno deciso semplicemente di cambiare fornitori. Ma passare da forniture di combustibili fossili della Russia a quelle dell’Azerbaigian o dell’Arabia Saudita, mentre si escludono le esportazioni di uranio russo in Europa dalle sanzioni, non porterà pace né sicurezza», dichiara Jorgo Riss, direttore di Greenpeace UE. «I combustibili fossili hanno una lunga storia legata a conflitti e guerre, da qualunque parte provengano: i governi devono abbandonarli prima possibile, non cercare nuovi fornitori».

L’Unione Europea continua a finanziare la guerra in Ucraina importando gas, petrolio e carbone russi. Per le sole importazioni di petrolio, l’UE e il Regno Unito pagano alla Russia quasi 200 milioni di euro al giorno. Anche l’industria europea dell’energia nucleare dipende dalla Russia per circa un quarto della fornitura di uranio arricchito, con la compagnia energetica statale russa Rosatom – finora esentata dalle sanzioni – incaricata della costruzione, manutenzione e smaltimento dei rifiuti radioattivi dei reattori in diversi Paesi europei. Quasi nessuno di questi scambi commerciali è stato finora interrotto, nonostante i discorsi retorici dei leader politici e alcune sanzioni specifiche da parte dell’UE.

Nel frattempo, il regime dell’Azerbaigian, corteggiato dall’Europa, è pronto a raddoppiare le proprie esportazioni di gas nei prossimi anni, e diversi governi dell’UE si sono impegnati a sviluppare le importazioni di gas fossile liquefatto dal Qatar o dagli Stati Uniti, il che renderebbe l’Europa dipendente dal gas per decenni.

«I nostri leader dovrebbero sostenere una capillare opera di efficientamento energetico delle nostre case, di incentivi alle energie rinnovabili e di potenziamento dei trasporti pubblici puliti, tutelando le persone più vulnerabili e assicurando che gli agricoltori europei producano cibo per le persone, non mangime per gli allevamenti intensivi», conclude Riss.

Cultura e Società News

Al via il primo campionato della passata di pomodoro

Dopo il successo della prima edizione, si svolgerà dal 1° luglio al 15 settembre STRAPASSATA, l’unico campionato della passata di pomodoro rigorosamente fatta in casa, che torna a coinvolgere gli italiani nella preparazione della ricetta che più di ogni altra esalta riti e sapori della cultura gastronomica del nostro Paese: la passata, la pummarola, la […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Gli italiani e il sole: il 42% usa quotidianamente la protezione solare

Sette italiani su dieci amano trascorrere il fine settimana all’aperto, al sole. Tuttavia, solamente il 42% dichiara di usare quotidianamente la protezione solare. E’ quanto emerge dallo studio[1], giunto alla terza edizione, condotto da ISDIN su un campione di quasi 7.000 italiani in merito alle abitudini di Fotoprotezione. Se si esclude la stagione estiva, non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Come ci si deve truccare per evitare di avere problemi agli occhi?

Truccare gli occhi è una routine quotidiana per molte donne e, sebbene in passato si facesse per lo più solo in occasione di eventi speciali, oggi è una pratica assai comune. Secondo i dati forniti da www.clinicabaviera.it, una delle aziende leader in Europa nel settore dell’oftalmologia, sei donne italiane su dieci si truccano gli occhi […]

Leggi tutto