Le cellule staminali sono una risorsa inestimabile

Ancora una conferma dalla scienza sull’utilizzo delle cellule staminali in medicina che rappresentano una risorsa inestimabile ed in fase di pieno sviluppo dimensionale a livello internazionale.

Le cellule staminali mesenchimali MSC sono cellule multipotenti con una spiccata capacità differenziata e replicativa. Le MSC sono presenti in diversi distretti biologici del nostro corpo ma il cordone ombelicale è tra le fonti più ricche e meno differenziate di cellule staminali, essendo cellule più giovani e più efficienti con una maggiore capacità di moltiplicarsi e di attecchire sono più neutre grazie alla loro immaturità immunologica.

Nello specifico le cellule staminali trovano il loro impiego nel correggere le risposte immunitarie e infiammatorie anomale, nel favorire l’attività antimicrobica e promuovere la rigenerazione dei tessuti. Quando somministrate per via endovenosa, le cellule staminali mesenchimali migrano naturalmente ai polmoni, bersaglio primario di terapia per la sindrome da distress respiratorio acuto da COVID-19. Sulla base di queste loro straordinarie proprietà, la comunità medica e scientifica ha avviato una serie di studi clinici volti a sfruttare il potere “rigenerativo” delle MSC per trattare i pazienti affetti da malattia da SARS-CoV-2.

“I primi risultati ottenuti dal i ricercatori della Miller School of Medicine dell’Università di Miami e pubblicati su STEM CELLS Translational Medicine. 2021, hanno dimostrato che le infusioni di cellule staminali mesenchimali derivate dal cordone ombelicale riducono in modo sicuro il rischio di morte e accelerano i tempi di guarigione per i pazienti COVID-19 più gravi – spiega Stefania Fumarola, biologa e responsabile scientifica di In Scientia Fides -. Risultati analoghi sono stati ottenuti dallo studio Rescat, coordinato dal Prof. Massimo Dominici, direttore del Centro terapia cellulare dell’Università di Modena e Reggio-Emilia, nel quale è stata verificata la fattibilità e la sicurezza dell’utilizzo delle cellule staminali mesenchimali nel trattamento della polmonite da SARS-CoV-2. Ma la scienza non si ferma. Il case report, appena pubblicato sul ‘Journal of Personalized Medicine’, ha dimostrato come le cellule staminali (multipotenti e pluripotenti) contenute nel plasma, in uno stato di quiescenza, di un paziente di 56 anni affetto da una forma clinica medio-severa di polmonite virale interstizio-alveolare da Covid-19 e reiniettate sotto cute portino ad una velocissima “negativizzazione” ed alla scomparsa totale di esiti infiammatori e fibrotici polmonari a soli 40 giorni dal ricovero. Questi, e tanti altri studi, non hanno la presunzione di affermare la scoperta della “cura contro il COVID-19” ma sottolineano che l’utilizzo delle cellule staminali in Medicina rappresenta una risorsa inestimabile ed in fase di pieno sviluppo”.

Cultura e Società News

Il posto di lavoro ideale per i nativi digitali ha 5 caratteristiche

Nell’ultimo anno si è parlato molto, in tema di lavoro, di Great Resignation. In Italia stiamo realmente vivendo il fenomeno delle dimissioni volontarie o piuttosto il mondo del lavoro sta attraversando una nuova epoca e percezione? Secondo i nuovi dati dell’Osservatorio sul precariato dell’Inps, sono state 306.710 le dimissioni nel primo trimestre 2022 (+ 35% rispetto […]

Leggi tutto
News

Rock: 200 cimeli inediti e firmati in Canton Ticino

Una chitarra di Keith Richards dei Rolling Stones, un basso dei Kiss, un disco d’oro dei Guns N’Roses, il cappello di Slash… Ci sono in tutto oltre 200 memorabilia del rock firmati e inediti di artisti del calibro di Metallica, AC-DC, Pink Floyd, The Police, Jimi Hendrix, Aerosmith, Iron Maiden, Bob Dylan, Iggy Pop, Bon […]

Leggi tutto
News Notizie

Imprese sociali: mezzo milioni di addetti, in maggioranza donne o persone svantaggiate

«Le imprese sociali, cooperative e non, che devono avere come obiettivo statutario l’interesse generale della comunità, sono in netta crescita: in Italia ci sono 16mila imprese sociali (95% delle quali nella forma di cooperative sociali), con 460mila addetti, in maggioranza donne, con ricavi pari a circa 15 miliardi di euro. Un vero e proprio sistema […]

Leggi tutto