‘Pizza. Una storia Napoletana’ la nuova edizione

Per il Pizza Day del 17 gennaio, Slow Food Editore presenta Pizza. Una storia napoletana che, dopo il successo della prima edizione, torna in libreria e sullo store online di Slow Food Editore in una versione aggiornata e arricchita da nuovi contenuti e da un affascinante repertorio di illustrazioni e riproduzioni di documenti di archivio, mappe, fotografie e stampe inedite. Un volume fondamentale per conoscere la storia di un prodotto come la pizza, che negli ultimi anni è stata protagonista di una straordinaria rivoluzione del gusto, e per comprendere l’evoluzione di un antico quanto umile mestiere come quello del pizzaiolo, trasformatosi nei giorni nostri in un complesso incontro di artigianalità, creatività e imprenditoria. Tra indagine storica e curiosità antropologiche, tra pizzerie e pizzaioli, gli autori ci riportano al clima che si viveva a Napoli dal Settecento fino ai primi del Novecento, attraverso un lungo racconto basato su precise e accurate ricerche d’archivio ed esclusivamente su fonti documentarie.

Una storia napoletana. Pizzerie e pizzaiuoli tra Sette e Ottocento pubblicato per la prima volta da Slow Food Editore nel 2009, è stato poi tradotto in lingua inglese con il titolo Inventing the Pizzeria. A History of Pizza Making in Naples per la prestigiosa Bloosmbury Academic nel 2015 – portando Napoli e la storia della sua pizza nelle università di tutto il mondo – viene ora presentato da Slow Food Editore in una nuova versione, riveduta ed ampliata.

In Pizza. Una storia napoletana, nuovi approfondimenti vengono dedicati alla figura della pizzaiola e, grazie all’acquisizione di nuovi documenti, la narrazione storica del mestiere del pizzaiolo prosegue fino ai primi decenni del Novecento. E ancora, sono stati aggiunti alcuni particolari inediti alla storia della famiglia Mattozzi, che nel 2022 festeggerà l’importante traguardo di 170 anni ininterrotti di attività, cominciati con il primo forno aperto ai Banchi Nuovi da Michele e Luigi Mattozzi nel 1852. Nel ricco corredo iconografico sono presenti inoltre riproduzioni di importanti documenti come l’Elenco dei pizzajoli con bottega del 1807, gentilmente concesso dall’Archivio di Stato di Napoli, e ancora la prima e unica immagine esistente di una pizzeria napoletana ottecentesca, tratta da una stampa inglese del 1881, finora inedita. L’appendice, inoltre, contiene in edizione integrale il testo dell’1858 dell’illustre filologo Emmanule Rocco, dedicata alla figura del Pizzajuolo.

Tutto questo fa di Pizza. Una storia napoletana il testo più autorevole in materia, in grado di offrire al lettore una dettagliata panoramica storica per capire come un cibo povero si sia affermato, in Italia e in tutto il mondo, come una delle maggiori espressioni culturali. Un volume essenziale per celebrare la pizza, uno dei cibi più amati e più rappresentativi del patrimonio enogastronomico italiano.

 

Cultura e Società News

Il posto di lavoro ideale per i nativi digitali ha 5 caratteristiche

Nell’ultimo anno si è parlato molto, in tema di lavoro, di Great Resignation. In Italia stiamo realmente vivendo il fenomeno delle dimissioni volontarie o piuttosto il mondo del lavoro sta attraversando una nuova epoca e percezione? Secondo i nuovi dati dell’Osservatorio sul precariato dell’Inps, sono state 306.710 le dimissioni nel primo trimestre 2022 (+ 35% rispetto […]

Leggi tutto
News

Rock: 200 cimeli inediti e firmati in Canton Ticino

Una chitarra di Keith Richards dei Rolling Stones, un basso dei Kiss, un disco d’oro dei Guns N’Roses, il cappello di Slash… Ci sono in tutto oltre 200 memorabilia del rock firmati e inediti di artisti del calibro di Metallica, AC-DC, Pink Floyd, The Police, Jimi Hendrix, Aerosmith, Iron Maiden, Bob Dylan, Iggy Pop, Bon […]

Leggi tutto
News Notizie

Imprese sociali: mezzo milioni di addetti, in maggioranza donne o persone svantaggiate

«Le imprese sociali, cooperative e non, che devono avere come obiettivo statutario l’interesse generale della comunità, sono in netta crescita: in Italia ci sono 16mila imprese sociali (95% delle quali nella forma di cooperative sociali), con 460mila addetti, in maggioranza donne, con ricavi pari a circa 15 miliardi di euro. Un vero e proprio sistema […]

Leggi tutto