Disturbi corpo e mente in era covid per il 94% delle donne

smartphone

Con la pandemia è cambiato il rapporto medico-paziente e la tecnologia ha dato un grande supporto per facilitare i contatti con il medico, molti lamentano disturbi e malesseri nati in pandemia ma c’è ancora troppo fai da te nelle cure e nelle diagnosi ricavate da ricerche generiche sul web. Lo rivela la survey effettuata su 10mila pazienti da VediamociChiara.it, portale di informazione per la salute femminile fondato e diretto da Maria Luisa Barbarulo per diffondere informazioni e smentire credenze e preconcetti.

La survey ha rivelato infatti che il 94% delle utenti ha sofferto durante la pandemia di almeno di uno di questi disturbi: mal di testa, mal di denti, mal di schiena e/o collo, insonnia, fastidi gastro-intestinali, dolori osteoarticolari, aumento di peso, patologie da raffreddamento e allergie alimentari e di altra natura.

Il dialogo è diventato sicuramente un fattore chiave per restituire tranquillità e rassicurazioni a molte persone, “travolte” da sintomi e malesseri dovuti non solo alle conseguenze dirette del virus, ma anche ad ansia e preoccupazione per la situazione vissuta nei mesi di lockdown, indipendentemente dal contagio, senza dimenticare che le restrizioni ai movimenti e la paura del virus hanno di fatto impedito o ritardato visite e controlli.

Il 65% delle interpellate ha ammesso di aver rimediato ai disturbi indicati ricorrendo a farmaci da automedicazione: o perché conosciuti (pubblicità/internet o indicati da amici/parenti) o perché assunti in passato (anche su prescrizione), perchè erano già disponibili in casa o perché già usati per altre patologie; non sempre con il controllo dello specialista.

La pandemia, come è risaputo, ha costretto anche a rimandare controlli di routine o di medicina preventiva, causando spesso il peggioramento di alcune patologie o l’insorgenza di esse. Questo a causa della pressione sugli ospedali e sui medici di famiglia, della paura del contagio ma anche per i costi: l’81% delle utenti ha infatti indicato come causa principale dei mancati controlli annuali la paura di incontrare persone contagiate dal Covid, nel recarsi dal medico o nel fare accertamenti e il 67% ha indicato anche il costo significativo dei controlli, quando, non potendo usufruire del servizio pubblico intasato a causa Covid, si rendeva necessario ricorrere al privato.

Per questo, con il medico di base si sono sperimentate forme più informali di contatto, come mail e messaggi telefonici per consigli o prescrizioni. Il 59% delle partecipanti alla survey ha confermato in merito di aver avuto spesso difficoltà nel riuscire a contattare o incontrare il proprio medico, e ha indicato come valida alternativa alla visita in presenza la possibilità di raggiungerlo via whatsapp o servizi analoghi (preferito per le questioni più immediate e urgenti) o via telefono o via videochiamata (per un colloquio più approfondito).

Il 61% ha gradito gli eventi online dedicati alla salute come momento di incontro con i medici, con il vantaggio di ricevere rapidamente e in diretta una risposta alle proprie domande.

Un buon 53% segnala anche qualche difficoltà nel comprendere sempre ed esattamente la terminologia medica, e invita gli specialisti a usare un linguaggio più semplice e comprensibile.

Il mezzo digitale risulta la vera svolta nel rapporto medico-paziente: oltre il 70% delle utenti ha dichiarato di voler ricevere in formato audio, video o testuale brevi aggiornamenti e servizi sulla salute e sulle novità terapeutiche disponibili (integratori e farmaci da automedicazione in primis).

Per poter rispondere alle esigenze espresse dal suo pubblico, nella consueta missione di informare, VediamociChiara ha ampliato i suoi servizi, sempre fruibili gratuitamente, con l’ingresso anche dei medici di Medicina generale, accanto ai Ginecologi presenti sul portale sin dall’inizio, nella sezione del sito “l’esperto risponde”. Ha creato poi la rubrica #CompressediSalute – con una serie di veloci contributi video, fruibili dalla maggior parte delle piattaforme social – per diffondere le informazioni essenziali sui disturbi più comuni e sulle analisi di routine. Infine, ha messo a disposizione degli utenti un servizio di videochiamata per consulti urgenti. Il tutto, sempre gratuitamente, su VediamociChiara.

“Il vantaggio offerto dal servizio di risposta online – afferma il dottor Giorgio Amedeo Agrò responsabile di quest’area di VediamociChiara – è dato dal fatto che uno specialista “reale anche se da remoto” è in grado di intercettare le necessità, le preoccupazioni e le curiosità delle persone proprio nel momento in cui hanno bisogno di una risposta o di un chiarimento. Un servizio che consente di confrontarsi con un medico “amico” che risponde in maniera chiara e semplice, come è nello stile di VediamociChiara, senza che si rivolgano al “dott. Google” che, come ricordo sempre ai miei pazienti, non solo non è laureato in medicina e chirurgia, ma risponde in base ad algoritmi che seguono logiche commerciali piuttosto che scientifiche”.

Cultura e Società News Viaggi

Natale in Umbria, tra le mura del borgo di Cannara

Sita nel cuore dell’Umbria, Cannara (Pg), dove San Francesco predicò agli uccelli, deriva il suo nome dalla parola “canna”, poiché sorge su una zona acquitrinosa e ricca di canneti, lungo la sponda sinistra del fiume Topino, al centro della Valle Umbra, proprio di fronte ad Assisi e Spello. Nota per due prodotti di eccellenza locale: […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Scuola

Roma: al via la selezione dei borsisti che saranno ospitati a Villa Medici

Mercoledì 1° dicembre 2021 si apre il bando di concorso per selezionare i borsisti che saranno ospitati a Villa Medici a Roma a partire da settembre 2022 per una residenza di creazione, di sperimentazione e di ricerca di 12 mesi. Il concorso si rivolge ad artisti, autori e ricercatori già affermati, francofoni, senza criteri di […]

Leggi tutto
News

Giornata Mondiale del Volontariato, un milione di volontari italiani hanno aiutato durante la pandemia

Secondo i dati diffusi da Anpas, Misericordie e Croce Rossa, sono stati circa un milione i volontari italiani che durante l’emergenza della pandemia hanno aiutato le persone bisognose, accanto a medici e paramedici. Come forma di ringraziamento per questa attività gratuita e disinteressata dal valore inestimabile, Spencer Italia Srl – leader nella progettazione e realizzazione […]

Leggi tutto