“Italiani e Social Media”: sostenibilità e diffusione di argomenti legati all’ambiente

Torna il consueto appuntamento con la ricerca “Italiani e Social Media” condotta da BlogMeter, istituto di ricerca associato ASSIRM e leader in Italia nei servizi di Integrated Social Intelligence. Giunta alla sua quinta edizione, la ricerca è stata presentata ieri in anteprima al Marketing Research Forum realizzato da ASSIRM e ha visto il coinvolgimento, attraverso una survey online, di un panel di 1.714 internauti residenti in Italia, di età compresa tra i 12 e i 75 anni, iscritti ad almeno un social network. Tra gli obiettivi dell’indagine, scoprire cosa ci dicono i social sulla sostenibilità, partendo dall’utilizzo che ne fanno gli utenti.

Per la realizzazione pratica della ricerca, BlogMeter è stata affiancata da due validi e ormai storici partner: la società di full service di data solutions NORSTAT, che si è occupata della realizzazione delle interviste, e ACS Marketing Solutions per le elaborazioni statistiche. Partner d’eccezione dell’edizione 2021, Almed, l’Alta Scuola di Comunicazione dell’Università Cattolica, con cui BlogMeter sta realizzando un progetto di ricerca integrato, ambizioso e innovativo – “Verso la sostenbilità: time to act” – il cui focus sarà appunto la sostenibilità, un tema ormai entrato a far parte della quotidianità di istituzioni, aziende e opinione pubblica.

Quali sono i social più utilizzati?

Il 2021 evidenzia una netta impennata dell’uso di TikTok (utilizzato regolarmente dal 41% degli internauti intervistati) e un leggero calo di Facebook (87%), che si attesta comunque al secondo posto tra i social più diffusi, preceduto da YouTube (90%). Rimanendo nell’ambito dei social propriamente detti, si confermano in crescita Instagram, Telegram e Pinterest, mentre tra i servizi di messaggistica rimane imbattuto al primo posto WhatsApp con oltre il 98% di utilizzatori tra gli intervistati, seguito da Messenger e Skype.

Cosa fanno gli italiani sui social?

La ricerca dimostra come i social siano soprattutto un passatempo per gli italiani: il 46% degli intervistati ha dichiarato infatti di usarli prevalentemente per svago o divertimento, mentre il 34% li utilizza per riempire il tempo in momenti di noia e guardare video. Ma i social hanno anche un risvolto “informativo” e “formativo”: il 28% ha dichiarato infatti di usarli per tenersi informato e il 25% per imparare cose nuove. Non manca ovviamente un uso prettamente legato agli affetti: il 23% degli utilizzatori coinvolti nella survey usa i social per restare in contatto con amici e parenti.

I social e la pandemia

Il particolare momento storico che stiamo attraversando ha inciso inevitabilmente sulle nostre abitudini quotidiane, comprese quelle legate all’uso dei social. Secondo la ricerca condotta da BlogMeter, ben il 39% degli italiani intervistati ha dichiarato di passare più tempo sui social media: di questi, il 45% ha scoperto nuovi social che si sono aggiunti a quelli già utilizzati, il 10% ha sostituito con nuovi social quelli usati in precedenza, mentre il 45% continua a usare gli stessi canali.

La sostenbilità, uno dei temi “caldi” sui social

È ormai risaputo che sui social si parli di un po’ di tutto: tra le tematiche più “calde” del 2021 spicca la sostenibilità. “Italiani e Social Media” fotografa una situazione emblematica: rispetto al 2020, si è registrato quest’anno un incremento del 400% delle conversazioni con focus sulla sostenibilità e un +200% di interazioni sul tema, segno del sempre maggiore interesse degli italiani verso l’ambiente.

Il maggior numero di conversazioni su tematiche ambientali si registra su Facebook – su oltre cinque milioni di conversazioni prese in esame, il 62,34% si svolge su questo social – mentre Instagram è il canale su cui si verifica la gran parte delle interazioni.

A conferma dell’attenzione degli italiani nei confronti dell’ambiente, BlogMeter evidenzia nella sua indagine come ben il 42% degli intervistati spenda di più per prodotti e brand realmente sostenibili e responsabili. Dall’altro lato, però, si registra dell’incertezza circa la percezione del reale impegno delle aziende in tema di sostenibilità: l’87% degli intervistati si trova d’accordo sul fatto che sia difficile capire se un’azienda sia davvero socialmente responsabile e sostenibile, il 75% dimostra anche un certo scetticismo, sostenendo che spesso la green attitude delle aziende sia solo un modo per “lavarsi la coscienza”, mentre il 71% afferma inoltre di non credere pienamente nell’impegno dei brand, il cui unico interesse sembra essere solo il profitto.

Cultura e Società News Viaggi

Natale in Umbria, tra le mura del borgo di Cannara

Sita nel cuore dell’Umbria, Cannara (Pg), dove San Francesco predicò agli uccelli, deriva il suo nome dalla parola “canna”, poiché sorge su una zona acquitrinosa e ricca di canneti, lungo la sponda sinistra del fiume Topino, al centro della Valle Umbra, proprio di fronte ad Assisi e Spello. Nota per due prodotti di eccellenza locale: […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Scuola

Roma: al via la selezione dei borsisti che saranno ospitati a Villa Medici

Mercoledì 1° dicembre 2021 si apre il bando di concorso per selezionare i borsisti che saranno ospitati a Villa Medici a Roma a partire da settembre 2022 per una residenza di creazione, di sperimentazione e di ricerca di 12 mesi. Il concorso si rivolge ad artisti, autori e ricercatori già affermati, francofoni, senza criteri di […]

Leggi tutto
News

Giornata Mondiale del Volontariato, un milione di volontari italiani hanno aiutato durante la pandemia

Secondo i dati diffusi da Anpas, Misericordie e Croce Rossa, sono stati circa un milione i volontari italiani che durante l’emergenza della pandemia hanno aiutato le persone bisognose, accanto a medici e paramedici. Come forma di ringraziamento per questa attività gratuita e disinteressata dal valore inestimabile, Spencer Italia Srl – leader nella progettazione e realizzazione […]

Leggi tutto