La lezione del passato per costruire un futuro migliore

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

A cura di Gianluca Maruzzella, CEO & CO-Founder di Indigo.ai

Ci sentiamo ripetere in continuazione quanti lavori verranno distrutti dalle macchine, ma non pensiamo mai a quanti ne creeranno. Eppure, passiamo ore a immaginare come sarà il futuro. A volte assume contorni apocalittici con città popolate dagli zombie di The Walking Dead, altre volte invece ci sono solo grattacieli, fattorie verticali urbane e macchine che lavorano al posto degli umani, impegnati a coltivare hobby e passioni.

La realtà è più semplice e allo stesso tempo più complessa. Perché in futuro ci saranno sicuramente più macchine e più tecnologia e l’intelligenza artificiale estenderà ulteriormente la nostra capacità di pensare. A progettare il futuro, però, siamo noi, nel presente. Per questo oggi siamo chiamati a ragionare su come debba essere, senza paura e senza la ricerca del mito, che nella storia ha prodotto sempre pessimi risultati.

Sin dall’antica Grecia, la paura accompagna l’immaginazione del futuro

L’uomo ha da sempre un timore reverenziale verso quello che immagina e costruisce. Come se fossimo costantemente in attesa che le nostre stesse opere ci distruggano. Lo stesso atteggiamento che spesso si nota intorno all’intelligenza artificiale, come se dessimo per scontato che a un certo punto Al di Odissea nello Spazio si ribellasse e ci sbattesse fuori dalla navicella spaziale. Dobbiamo fare un cambio di passo e prendere consapevolezza che siamo noi a costruire l’intelligenza artificiale e che dipende da noi mettere le basi per un futuro migliore di quello di cui abbiamo paura.

D’altra parte, è dall’antica Grecia che abbiamo questa paura dei “super poteri”. Basti pensare a Zeus, l’emblema della divinità con le sembianze umane: una forza sovrannaturale, astuzia, intelligenza, ma anche la capacità di volare e lanciare fulmini. Lo immaginavamo a nostro servizio, ma allo stesso tempo imprevedibile e non controllabile, capace di grande ira e di devastare città e Paesi. Poi c’è stato Talos, il primo “robot” della storia: creato da Efesto per diventare la sua sentinell, si ribella agli uomini e lotta contro gli Argonauti.

Il fil rouge del rapporto uomo-robot: risvegliarlo con la parola

La storia si ripete all’infinito, ma forse l’esempio migliore che possiamo fare appartiene alla tradizione ebraica con il Golem, una figura antropomorfa fatta di argilla che il rabbino di Praga, Jehuda Löw ben Bezalel, nel XVI secolo, plasma e risveglia allo scopo di proteggere il quartiere ebraico della città. Ma i golem diventano sempre più grandi, al punto che il rabbino non può più servirsene per difendere la sua comunità dagli attacchi antisemiti e così decide di disfarsi dei più grandi. Fino a quando perde il controllo di un gigante che inizia a distruggere tutto ciò che incontra: un altro epilogo tutt’altro che felice.

Alcuni simboli ancora ricorrono. Per risvegliare il golem bisognava sussurrargli la parola “verità”, per fermarlo “morto”. Non molto diverso da quando oggi diciamo “Alexa” o “Ehi Google” per attivare i nostri assistenti virtuali a cui poi diciamo “stop”. Nela tradizione ebraica, creare un golem permette di sostituirsi alla divinità per aiutarci, esattamente come un assistente virtuale, ma anche come Frankstein di Mary Shelly, Blade Runner o Terminator.

Sta a noi delineare un futuro armonioso

Da sempre siamo capaci di creare – almeno nella nostra immaginazione – macchine e intelligenze perfette, ma da quando siamo in grado di farlo abbiamo paura che prima o poi si ribelleranno a noi. Per questo lavorare nell’intelligenza artificiale è molto più che scrivere un codice: è piuttosto chiedersi di cosa si tratta, da dove arriva e dove vuole arrivare. È immaginare e cercare di realizzare un futuro in cui l’intelligenza artificiale sia davvero a servizio dell’uomo, semplifichi la sua vita, estenda la sua capacità di azione, liberi il suo tempo, aiuti a risolvere situazioni difficili. Per fare questo bisogna, sin da oggi, definire le potenzialità e i limiti che si vogliono attribuire all’AI, svilupparla con in mente un futuro armonioso (ad esempio, renderla meno soggetta a bias di genere e razza). Tutto questo è possibile, è progettabile, oggi.

La paura è insita nell’uomo, ma il nostro compito è evitare che si ripetano gli errori del passato. Per costruire un futuro migliore.

Cultura e Società News

Il rispetto per l’ambiente e la riduzione di spese e rifiuti inizia sin da piccoli

Se la scelta di Harry e Meghan di avere soltanto due figli per salvaguardare il Pianeta ha fatto molto discutere, a dimostrare che effettivamente una nuova nascita aumenta sensibilmente l’impronta ecologica di una famiglia è uno studio svedese. Secondo la ricerca condotta dalla Sveriges landbruksuniversitet di Uppsala, infatti, in una casa con figli si produce […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Il vero leader dopo la pandemia

“La leadership è l’arte di far fare a qualcuno quello che tu vuoi perché lui lo desidera”: con queste parole l’ex presidente degli USA Dwight David Eisenhower definiva il concetto di leadership, il quale mai come in quest’ultimo periodo risulta centrale all’interno della sfera lavorativa. Conferme a questo proposito giungono da un’indagine condotta da Espresso […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Gli opposti si attraggono? I dati (e la psicologia) dicono di no

I detti nascondono sempre una certa saggezza storica e popolare, ma è proprio vero che in amore “gli opposti si attraggono”? Sembrerebbe proprio di no. A dare una chiara smentita ci ha pensato Once, app pioniera dello slow dating, che ha esaminato 1.000 coppie per un totale di oltre 9.000 anni di vita di coppia […]

Leggi tutto
News IN DIES