Sostegno immediato alle famiglie colpite dall’emergenza a Gaza

israeleIl World Food Programme (WFP) ha iniziato a fornire assistenza d’emergenza ad oltre 51.000 persone nel nord di Gaza in risposta all’aumento dei bisogni umanitari tra le famiglie colpite dalla recente escalation del conflitto nell’impoverita Striscia.

Insieme ai suoi partner, il WFP sta fornendo sostegno sotto forma di contante che sarà di aiuto sia alle persone che ora, per la prima volta, hanno bisogno di assistenza sia per quelle che già ricevevano l’assistenza del WFP ma hanno dovuto abbandonare tutto e trasferirsi altrove da amici o famigliari.

“Per le persone che hanno perso la casa o che l’hanno abbandonata, uno dei bisogni più urgenti al momento è il cibo. Il modo più rapido e più efficace per fornire sostegno è sotto forma di contante, con voucher elettronici. Il cibo è disponibile per il momento e molti negozi sono ancora aperti, inclusi quelli che hanno già con noi accordi per il nostro sostegno regolare con voucher elettronici”, ha detto Samer Abdeljaber, Rappresentante e Direttore WFP in Palestina.

Tuttavia, la chiusura dei passaggi per Gaza potrebbe presto causare una penuria di beni, incluso il cibo, e far aumentare i prezzi alimentari. I prezzi dei prodotti freschi stanno già aumentando dal momento che gli agricoltori che non possono raggiungere i propri campi.

Il WFP sta al momento lavorando con i propri partner per rafforzare il coordinamento, per stabilire protocolli e determinare i bisogni per l’assistenza alimentare d’emergenza per le persone che cercano sicurezza nei rifugi delle Nazioni Unite. La piattaforma del WFP per i voucher elettronici viene anche usata da altre agenzie umanitarie per fornire beni non alimentari e altra assistenza di base alle persone colpite.

Il WFP sta anche fornendo assistenza tecnica per verificare i bisogni umanitari a Gaza e sta sostenendo, attraverso sforzi logistici a guida WFP, il coordinamento dei carichi umanitari che potrebbero dover entrare nella zona se i confini rimarranno chiusi.

“Le persone a Gaza già vivevano ai limiti e molte famiglie a fatica riescono ad avere cibo da mettere sulla tavola. La loro situazione è ulteriormente peggiorata nell’ultimo anno a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia di Covid-19”, ha detto Corinne Fleischer, Direttrice regionale del WFP per il Medio Oriente e il Nord Africa. “La maggioranza della popolazione non può sopportare ulteriori shock e la situazione attuale potrebbe scatenare a una crisi che si potrebbe allargare all’intera regione”.

A Gaza, il WFP sostiene regolarmente circa 260.000 persone attraverso trasferimenti di contante o assistenza in contanti per il cibo, con razioni dirette di cibo e con progetti di sostegno ai mezzi di sostentamento. Oltre due terzi della popolazione di Gaza di due milioni di persone soffriva già di insicurezza alimentare prima dell’attuale escalation del conflitto.

La povertà e la disoccupazione, i due principali motivi dell’insicurezza alimentare nella regione, erano già alti prima dello scoppio della pandemia di Covid-19 e del recente deterioramento delle condizioni di sicurezza. Oltre la metà della popolazione di Gaza vive in povertà, il 53 per cento, e il tasso di disoccupazione è al 45 per cento.

Per poter continuare a fornire assistenza alimentare regolare ad oltre 435.000 persone vulnerabili a Gaza e nella Cisgiordania per i prossimi sei mesi il WFP ha bisogno di ulteriori 31,8 milioni di dollari. Per rispondere all’attuale emergenza, il WFP necessita urgentemente di 14 milioni di dollari che servono a fornire assistenza d’emergenza per i prossimi tre mesi a 160.000 persone a Gaza e a 60.000 nella Cisgiordania. Il numero di persone in stato di bisogno potrebbe ulteriormente aumentare.

L’attuale escalation militare ha causato notevoli sofferenze e distruzione. Il WFP fa appello per una immediata de-escalation e per una cessazione delle ostilità a Gaza e in Israele.

 

News Notizie

Centinaia di ragazzi stranieri soli in transito subiscono abusi

Si spostano a piedi, nascosti sotto i camion o sui treni, trasportati in macchina in autostrada dai passeur, attraversano boschi e montagne pericolose come il Passo della morte tra Italia e Francia, spesso di notte, per superare confini blindati, vengono respinti una, due, dieci, venti volte, in modo spesso brutale e illegale, nonostante abbiano meno […]

Leggi tutto
News

Decarbonizzazione: Porcelanosa e Iberdrola presentano il GreenH2Ker

Porcelanosa e Iberdrola hanno firmato un accordo per integrare un sistema a idrogeno verde e una pompa di calore nei processi termici della fabbrica di ceramica. Un piano utile alla decarbonizzazione e essenziale per la transizione ecologica La lotta al cambiamento climatico e la distribuzione equa delle risorse principali sono due assi prioritari per Porcelanosa, […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Il pomodoro, dai Maya alla coltivazione con drone e software

Si è svolto in modalità online mercoledì 16 giugno, il terzo incontro del ciclo 2021 de “I Mercoledì dell’Archiginnasio. L’Odissea del cibo dal campo alla tavola” dedicato al pomodoro. I relatori dell’incontro sono stati il Dott. Gianluca Vertuani, Presidente di Confagricoltura Ferrara, la Prof.ssa Cecilia Prata, Docente di Biochimica Applicata e Biochimica della Nutrizione Università […]

Leggi tutto
News IN DIES