Il sud del Madagascar sull’orlo della carestia. Allarme del WFP

cibo
cibo
Madagascar, Sihanamaro 27 April 2021
In the photo: the food situation is dire and families collect anything in the field to be able to feed their children.
Photo: WFP/Fenoarisoa Ralaiharinony
The commune of Sihanamaro is located at 30 kilometres from Ambovombe, the capital of the Androy region in drought-affected southern Madagascar.
Last week, the mayor of Sihanamaro called for WFP assistance following several deaths related to kere (hunger) in the area. A WFP mission was organized and confirmed an alarming situation on the ground. The Food security and livelihoods cluster was mobilized, and a first distribution of hot meals was implemented for hundreds of malnourished children and the elderly weakened by hunger.
Alerted by the situation, the US and the EU Ambassadors, the UN Resident Coordinator, WFP Representative, the Minister of Water, Sanitation and Hygiene, the Minister of Foreign affairs, WFP Emergency Coordinator and the World Bank Representative are planning a joint mission in the south on 29 April.

La siccità non dà tregua nel Madagascar del sud, spingendo centinaia di migliaia di persone sull’orlo della carestia. L’allarme dell’agenzia ONU World Food Programme (WFP) indica come, con i tassi di malnutrizione acuta che continuano a crescere, sia necessaria una azione urgente che risponda a questa crisi umanitaria in divenire.

Molti distretti nel sud del paese sono nella morsa di una emergenza nutrizionale, con la Malnutrizione Globale Acuta (GAM) nei bambini al di sotto dei cinque anni che è quasi raddoppiata negli ultimi quattro mesi, arrivando a un preoccupante 16,5 per cento, come indicato da una verifica recente condotta dal Ministero della Salute. È Ambovombe il distretto maggiormente colpito, dove la GAM ha superato il 27 per cento, mettendo a rischio la vita di molti bambini. I bambini che soffrono di malnutrizione acuta hanno quattro volte maggiori probabilità di morire rispetto a bambini in salute.

“L’entità della catastrofe è al di là di ogni immaginazione. Se non riportiamo indietro questa crisi, se non arriva cibo alle persone del sud del Madagascar, le famiglie soffriranno la fame e vite andranno perse”, ha detto Amer Daoudi, Direttore Senior delle Operazioni del WFP che ha visitato oggi Sihanamaro, una delle aree più colpite, accompagnato da una delegazione di alto livello di ambasciatori e funzionari governativi.

“Abbiamo visto scene strazianti di bambini gravemente malnutriti e famiglie alla fame. Abbiamo bisogno ora di finanziamenti e risorse per aiutare la popolazione del Madagascar”.

Il WFP ha bisogno di 74 milioni di dollari per i prossimi sei per salvare vite nel Madagascar del sud e prevenire una catastrofe. A seguito delle richieste allarmanti ricevute dal distretto di Amboasary sulla gravità della crisi alimentare, il WFP sta progressivamente assistendo fino a 750.000 persone con distribuzioni di cibo e contante ogni mese.

Anni consecutivi di siccità nel Sud hanno portato almeno 1,35 milioni di persone ad aver bisogno di assistenza alimentare e nutrizionale di emergenza. La situazione è critica da settembre 2020, all’inizio della stagione di magra, quando le famiglie hanno terminato le scorte di cibo e si sono cibate di riserve vitali di sementi, che sarebbero dovute servire per la stagione di semina novembre/dicembre 2020. Al momento, fino all’80 per cento della popolazione, in alcune aree del sud, fa ricorso a disperate misure di sopravvivenza, come cibarsi di locuste, fichi d’india acerbi o foglie selvatiche.

Le prospettive per il 2021 sono di uno scarso raccolto. La mancanza di pioggie durante l’ultima stagione di semina è un indicatore di un altro raccolto perso che causerà una stagione di magra più lunga e più dura (da ottobre 2021 a marzo 2022). Si prevede che la produzione di cibo nel 2021 sia meno del 40 per cento rispetto alla media degli ultimi cinque anni, rendendo ancora più difficile sfamarsi per le comunità sull’orlo della sopravvivenza.

Le condizioni di semi-aridità nel Madagascar del sud, insieme ad alti livelli di erosione del suolo, di deforestazione e tempeste di sabbia intense e senza precedenti, hanno ricoperto di sabbia pascoli e campi e trasformato terra arabile in un territorio desolato in tutta la regione.

News

Fao: mettere in agenda l’agroecologia contadina

Il 26 ha preso il via il prevertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari (UN Food Systems Pre-Summit), fino al 28 luglio a Roma. Azione contro la Fame esprime la sua preoccupazione sulla direzione intrapresa dalla comunità internazionale. “Mentre la FAO e molte ricerche hanno dimostrato il ruolo essenziale dell’agroecologia per rispondere alle sfide sociali, […]

Leggi tutto
News Tecnologia

La logistica del futuro è tra digitale e green

Digitale e green: un binomio necessario e non più scindibile quando si parla di logistica. Perché «se l’innovazione 4.0 è un ormai un must davanti al quale non c’è scelta, il tema ecologico va di pari passo: non è più rinviabile e richiede un impegno concreto da parte di tutti». Carlo Caserini, presidente di KFI, […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

No al green pass per i parchi divertimento

L’Associazione Parchi Permanenti Italiani, aderente a Federturismo Confindustria, esprime profonda sorpresa e rammarico in merito al provvedimento che impone l’obbligo di green pass per accedere ai parchi divertimento a partire dal 6 agosto. Giuseppe Ira, Presidente Associazione Parchi Permanenti Italiani e di Leolandia (BG), dichiara: “Il provvedimento, condivisibile nella teoria, non è attuabile nella pratica […]

Leggi tutto
News IN DIES