393 milioni di bambini non sanno leggere

Da quando i leader mondiali, nel 2015, hanno adottato gli obiettivi di sviluppo sostenibile, sono più di 393 milioni i bambini che a 10 anni non sono riusciti ad acquisire le competenze di alfabetizzazione .Lo evidenzia ‘The Lost Potential Tracker’[1], un nuovo strumento di analisi interattivo progettato per misurare la portata della crisi dell’apprendimento globale, lanciato oggi e creato dalla campagna ONE, Global Partnership for Education (GPE) e Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

Per la prima volta in assoluto, per gli esperti dell’educazione e per il pubblico sarà possibile seguire, in tempo reale, il crescente numero di bambini che a 10 anni non sono in grado di leggere e comprendere una semplice frase[2]. Su The Lost Potential Tracker[3] vi sono anche le storie dei bambini colpiti dalla crisi globale dell’apprendimento e per gli utenti è possibile mettersi nei panni di un decisore politico e sperimentare in prima persona quanto un finanziamento efficace possa aiutare a invertire questa tendenza per i bambini.

Sulla base dei calcoli dei dati ufficiali della Banca Mondiale e dell’UNESCO sulla “povertà di apprendimento” e dei dati sulla popolazione delle Nazioni Unite di tutti i bambini di 10 anni, il Tracker indica il numero di minori che perdono il loro potenziale futuro ogni anno, mese, settimana, giorno, ora, e secondo. I risultati del Tracker mostrano che, ogni mese, quasi 6 milioni di bambini compiono 10 anni senza aver acquisito le capacità di alfabetizzazione di base per la loro età. L’equivalente dell’intera popolazione di Johannesburg.

Senza l’impegno a finanziare efficacemente l’istruzione per tutti – spiegano le organizzazioni che hanno promosso il Lost Potential Tracker – il mondo non solo non manterrà l’impegno sulle educazione entro il 2030, ma rischierà anche di perdere la prossima generazione di medici, insegnanti e leader.

“Queste cifre rivelano lo scioccante fallimento dell’impegno dei leader mondiali per proteggere e dare priorità all’istruzione dei più piccoli. La posta in gioco è troppo alta per continuare con l’attuale approccio “business-as-usual”. Quando prima di aver compiuto i 10 anni i bambini passano dall’imparare a leggere, a leggere per imparare, questo li prepara a una vita di apprendimento e consente loro di avere successo durante l’infanzia e da adulti. Dobbiamo raccogliere i progressi per il cambiamento. Il loro futuro dipende da questo. Il nostro mondo dipende da questo” ha dichiarato Tom Hart, CEO pro tempore della campagna ONE.

“Imparare a leggere e scrivere sono elementi essenziali per il successo di ogni bambino. Questo strumento mostra la profondità della crisi dell’apprendimento globale e quale situazione critica dovrà affrontare il mondo se non verrà data la priorità all’istruzione. Senza un’azione politica e finanziaria immediata, il futuro di milioni di bambini potrebbe essere messo a repentaglio” ha detto Alice Albright, CEO della Global Partnership for Education.

“Il mondo sta affrontando un’emergenza educativa senza precedenti che è stata aggravata dalla pandemia di COVID-19[4]. Se vogliamo mantenere i nostri impegni per il raggiungimento dell’intera gamma di obiettivi di sviluppo sostenibile e il diritto dei minori all’istruzione, è necessario migliorare i livelli di alfabetizzazione. Essere in grado di leggere è un’abilità fondamentale che consente ai bambini di accedere al loro curriculum completo, mentre senza essere in grado di leggere, le loro possibilità di vita sono limitate. Ciò è particolarmente grave per i bambini in alcuni dei paesi più poveri e colpiti da conflitti, per i quali tornare a scuola e recuperare il ritardo nell’apprendimento è più cruciale che mai. Abbiamo urgentemente bisogno che i governi e i donatori diano la priorità ad affrontare la crisi dell’apprendimento al fine di garantire un futuro migliore per i bambini del mondo” ha affermato Inger Ashing, CEO di Save the Children International.

Nell’ambito della Settimana d’azione globale per l’istruzione[5], si sollecitano i governi a impegnare almeno 5 miliardi di dollari[6] per la Global Partnership for Education in vista della sua conferenza di rifinanziamento e di sostenere i due obiettivi globali sull’istruzione delle ragazze[7] stabiliti dal Regno Unito.

ONE è un movimento globale apartitico che si batte per porre fine alla povertà estrema e alle malattie prevenibili entro il 2030, in modo che tutti, ovunque possano condurre una vita di dignità e opportunità. Spinge i governi a fare di più, in particolare in Africa, e ad autorizzare i cittadini a chiedere loro di renderne conto.

GPE è un impegno condiviso per porre fine alla crisi mondiale dell’apprendimento. Si mobilitano partner e fondi per sostenere 76 paesi a basso reddito per trasformare i loro sistemi educativi in modo che ogni ragazza e ogni ragazzo possano ottenere l’istruzione di qualità di cui hanno bisogno per sbloccare il loro pieno potenziale e contribuire a costruire un mondo migliore. GPE sta attualmente chiedendo ai leader mondiali di impegnarsi per almeno 5 miliardi di dollari per i prossimi cinque anni per aiutare GPE a trasformare il sistema dell’istruzione in un massimo di 90 paesi e territori, che ospitano oltre 1 miliardo di bambini.

News Tecnologia

Spostamenti più sostenibili viaggiando in treno

Un terzo delle rotte aeree a corto raggio con più passeggeri in Europa potrebbe essere sostituito da un viaggio in treno della durata inferiore alle sei ore e molti altri spostamenti potrebbero essere più sostenibili viaggiando in treno anziché in aereo. È quanto emerge da uno studio commissionato da Greenpeace UE e realizzato dal gruppo […]

Leggi tutto
Cultura e Società Lifestyle News Salute

Mascherina: aumento dell’acne del 40% nell’ultimo anno

L’80% della popolazione ha sofferto di acne nel corso della propria vita ma indubbiamente quest’ultimo anno e mezzo è stato il peggiore. L’utilizzo della mascherina ha provocato un aumento significativo dei problemi alla pelle, soprattutto la comparsa di piccoli brufoli sul viso poiché lo sfregamento e la pressione della mascherina, combinati con la mancanza di […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

La pandemia ha ampliato il gender gap nel mondo accademico

Uno studio condotto su 2.329 riviste accademiche rivela che durante la prima ondata della pandemia di COVID-19, lo scorso anno, le donne hanno inviato un minor numero di articoli degli uomini. Il divario di genere è particolarmente evidente in campo medico e per le donne a inizio carriera. Fra i ricercatori coinvolti nello studio, accademici […]

Leggi tutto