393 milioni di bambini non sanno leggere

Da quando i leader mondiali, nel 2015, hanno adottato gli obiettivi di sviluppo sostenibile, sono più di 393 milioni i bambini che a 10 anni non sono riusciti ad acquisire le competenze di alfabetizzazione .Lo evidenzia ‘The Lost Potential Tracker’[1], un nuovo strumento di analisi interattivo progettato per misurare la portata della crisi dell’apprendimento globale, lanciato oggi e creato dalla campagna ONE, Global Partnership for Education (GPE) e Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

Per la prima volta in assoluto, per gli esperti dell’educazione e per il pubblico sarà possibile seguire, in tempo reale, il crescente numero di bambini che a 10 anni non sono in grado di leggere e comprendere una semplice frase[2]. Su The Lost Potential Tracker[3] vi sono anche le storie dei bambini colpiti dalla crisi globale dell’apprendimento e per gli utenti è possibile mettersi nei panni di un decisore politico e sperimentare in prima persona quanto un finanziamento efficace possa aiutare a invertire questa tendenza per i bambini.

Sulla base dei calcoli dei dati ufficiali della Banca Mondiale e dell’UNESCO sulla “povertà di apprendimento” e dei dati sulla popolazione delle Nazioni Unite di tutti i bambini di 10 anni, il Tracker indica il numero di minori che perdono il loro potenziale futuro ogni anno, mese, settimana, giorno, ora, e secondo. I risultati del Tracker mostrano che, ogni mese, quasi 6 milioni di bambini compiono 10 anni senza aver acquisito le capacità di alfabetizzazione di base per la loro età. L’equivalente dell’intera popolazione di Johannesburg.

Senza l’impegno a finanziare efficacemente l’istruzione per tutti – spiegano le organizzazioni che hanno promosso il Lost Potential Tracker – il mondo non solo non manterrà l’impegno sulle educazione entro il 2030, ma rischierà anche di perdere la prossima generazione di medici, insegnanti e leader.

“Queste cifre rivelano lo scioccante fallimento dell’impegno dei leader mondiali per proteggere e dare priorità all’istruzione dei più piccoli. La posta in gioco è troppo alta per continuare con l’attuale approccio “business-as-usual”. Quando prima di aver compiuto i 10 anni i bambini passano dall’imparare a leggere, a leggere per imparare, questo li prepara a una vita di apprendimento e consente loro di avere successo durante l’infanzia e da adulti. Dobbiamo raccogliere i progressi per il cambiamento. Il loro futuro dipende da questo. Il nostro mondo dipende da questo” ha dichiarato Tom Hart, CEO pro tempore della campagna ONE.

“Imparare a leggere e scrivere sono elementi essenziali per il successo di ogni bambino. Questo strumento mostra la profondità della crisi dell’apprendimento globale e quale situazione critica dovrà affrontare il mondo se non verrà data la priorità all’istruzione. Senza un’azione politica e finanziaria immediata, il futuro di milioni di bambini potrebbe essere messo a repentaglio” ha detto Alice Albright, CEO della Global Partnership for Education.

“Il mondo sta affrontando un’emergenza educativa senza precedenti che è stata aggravata dalla pandemia di COVID-19[4]. Se vogliamo mantenere i nostri impegni per il raggiungimento dell’intera gamma di obiettivi di sviluppo sostenibile e il diritto dei minori all’istruzione, è necessario migliorare i livelli di alfabetizzazione. Essere in grado di leggere è un’abilità fondamentale che consente ai bambini di accedere al loro curriculum completo, mentre senza essere in grado di leggere, le loro possibilità di vita sono limitate. Ciò è particolarmente grave per i bambini in alcuni dei paesi più poveri e colpiti da conflitti, per i quali tornare a scuola e recuperare il ritardo nell’apprendimento è più cruciale che mai. Abbiamo urgentemente bisogno che i governi e i donatori diano la priorità ad affrontare la crisi dell’apprendimento al fine di garantire un futuro migliore per i bambini del mondo” ha affermato Inger Ashing, CEO di Save the Children International.

Nell’ambito della Settimana d’azione globale per l’istruzione[5], si sollecitano i governi a impegnare almeno 5 miliardi di dollari[6] per la Global Partnership for Education in vista della sua conferenza di rifinanziamento e di sostenere i due obiettivi globali sull’istruzione delle ragazze[7] stabiliti dal Regno Unito.

ONE è un movimento globale apartitico che si batte per porre fine alla povertà estrema e alle malattie prevenibili entro il 2030, in modo che tutti, ovunque possano condurre una vita di dignità e opportunità. Spinge i governi a fare di più, in particolare in Africa, e ad autorizzare i cittadini a chiedere loro di renderne conto.

GPE è un impegno condiviso per porre fine alla crisi mondiale dell’apprendimento. Si mobilitano partner e fondi per sostenere 76 paesi a basso reddito per trasformare i loro sistemi educativi in modo che ogni ragazza e ogni ragazzo possano ottenere l’istruzione di qualità di cui hanno bisogno per sbloccare il loro pieno potenziale e contribuire a costruire un mondo migliore. GPE sta attualmente chiedendo ai leader mondiali di impegnarsi per almeno 5 miliardi di dollari per i prossimi cinque anni per aiutare GPE a trasformare il sistema dell’istruzione in un massimo di 90 paesi e territori, che ospitano oltre 1 miliardo di bambini.

News

Boom interesse online per le biciclette

L’8 Maggio è partito da Torino il 104° Giro d’Italia, una delle manifestazioni sportive più amate e seguite dagli italiani, che unisce regioni e tradizioni, valorizzando le tante bellezze del nostro Paese. Il ciclismo è da sempre uno degli sport più praticati dagli italiani e nell’ultimo anno, grazie ai bonus e a causa della necessità […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Covid, in Italia 96 mila mamme hanno perso il lavoro

Le mamme con figli minorenni in Italia sono poco più di 6 milioni e nell’anno della pandemia molte di loro sono state significativamente penalizzate nel mercato del lavoro, a causa del carico di lavoro domestico e di cura che hanno dovuto sostenere durante i periodi di chiusura dei servizi per l’infanzia e delle scuole. Su […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Mediterraneo: Italia ininfluente senza l’Europa

Vita, energia, sviluppo, ma anche migrazioni, morte e terrorismo. Il mar Mediterraneo è la vera scommessa di oggi per il futuro dell’Italia ma soprattutto dell’Europa tutta. «Sul Mediterraneo l’Europa non si gioca solamente la propria credibilità, ma anche la propria sopravvivenza». Pier Ferdinando Casini, senatore, membro della commissione Affari esteri ed Emigrazione e della commissione […]

Leggi tutto
News IN DIES