I social network incidono per l’80% sulle opinioni degli utenti

In Italia negli ultimi 12 mesi gli utenti social sono aumentati di 4 milioni, con una permanenza di 2 ore al giorno per gli adulti, 4 per gli under 18. Zwan, in collaborazione con Probitas, propone il primo corso italiano di Social Media Manager certificato ed adattato alle caratteristiche del mercato attuale

Sebbene sia errato pensare che la reputazione di un brand sia rappresentata esclusivamente da ciò che viene detto online, dal numero dei follower o dalle recensioni, è ormai innegabile che i social network abbiano un peso importante, in grado di influire in maniera importante su molti degli asset che la determinano. Un passo falso sui social, dunque, può comportare la perdita di credibilità e di clienti.

Secondo uno studio effettuato da Zwan, azienda specializzata in corporate reputation, per i circa 40 milioni di utenti social del nostro paese, quanto leggono su Facebook, Instagram, Twitter o altri ambienti, incide per oltre l’80% sulla creazione dell’opinione che hanno su fatti, aziende o persone. Un passo falso sui social, dunque, può comportare la perdita di credibilità e di clienti.

Questo significa che il social media manager, colui che produce e gestisce i contenuti, è, di fatto, la prima figura di contatto con il mercato, i clienti e tutti gli stakeholders, ed è, quindi, necessario che possegga un background interdisciplinare altamente qualificato.

Per questo motivo, Zwan, in collaborazione con Probitas, accademia specializzata in corsi di risk management e compliance, ha avviato il primo corso italiano di Social Media Manager che crea profili altamente qualificati, in grado di relazionarsi con molti aspetti aziendali, che saranno poi certificati dall’ente indipendente svizzero LHWC.

Obiettivo del corso, oltre a creare eccellenti professionisti che siano realmente competenti in materia, è anche quello di conferire maggior autorevolezza alla figura del social media manager. Secondo un’indagine di reputation rating condotta da Zwan, infatti, il social media manager ha un impatto molto forte sulla reputazione del brand che gestisce, eppure, la reputazione percepita all’esterno di tale figura professionale risulta essere molto bassa, vista come semplicemente operativa e come qualcosa di strategico e decisionale.

La prima edizione del corso, che prenderà il via il 9 marzo 2021, mira a creare profili che abbiano non solo conoscenze di strumenti digitali e di comunicazione, ma anche una buona conoscenza di microeconomia, per poter gestire campagne a pagamento e avere considerazione degli aspetti legati al ROI e al costo di acquisizione cliente, di crisis management, per supportare il management e l’azienda nella gestione della crisi, di customare care, essendo sempre più spesso la prima interfaccia con clienti e stakeholder, e di strategia e marketing, essendo uno strumento di estensione del focus dell’azienda e delle sue campagne.

“Oggi i social media manager devono essere considerati come figure cardine della creazione della reputazione aziendale. Sono loro quindi che incidono sempre più sull’efficacia dell’attività commerciale dalla quale dipende la sopravvivenza dell’azienda stessa – Commenta Davide Ippolito, CEO di Zwan – Questo corso innovativo, il cui valore è ulteriormente garantito dalla certificazione rilasciata e dall’inserimento in una lista di profili altamente qualificati a disposizione delle aziende, terrà conto anche delle ‘soft skill’, competenze trasversali, abilità e caratteristiche personali, che vanno oltre l’ambito tecnico, come la capacità di lavorare in team, l’orientamento al risultato, lo sviluppo delle risorse, il commitment e la motivazione del team”.

“Abbiamo sposato appieno questo progetto. – spiega Roberto Maggi, CEO di Probitas – perché riteniamo un patrimonio inestimabile per le aziende avere al loro interno persone con competenze specifiche e altamente qualificate. Inoltre, fornire la giusta formazione, aumenta il livello di soddisfazione del dipendente ed anche il suo senso di appartenenza, nonché migliora la qualità del lavoro sia verso l’interno, sia verso l’esterno dell’azienda, stakeholder e mercato. Essere competenti è il primo passo verso il successo”.

“Certificare questi profili – ha concluso Luca Figerio, CEO di LHWC – vuol dire offrire a tutti gli stakeholders garanzie, supportate da tecnologie blockchain, della verifica dei requisiti dei professionisti rispetto a disciplinari predefiniti. È un plus fondamentale per un profilo, sempre più ricercato dal mercato, che distingue i professionisti certificati da tutti gli altri.”

Cultura e Società News Tecnologia

È importate sostenere le nostre realtà locali

Think Thank eroiNORMALI promuove la prima giornata nazionale della prossimità locale. Dopo il grande successo della campagna di sensibilizzazione natalizia “Think LocaL” e grazie al supporto e alla partecipazione di numerose ed importanti associazioni nazionali di categoria, eroiNORMALI il prossimo 23 ottobre dedica un’intera giornata alla sensibilizzazione dell’importanza della condivisione basata sulla vicinanza territoriale che, […]

Leggi tutto
Cultura e Società Intrattenimento News

29 ottobre / 1° novembre 2021, “Festa del Bosco” di Montone (Pg)

Dal 29 ottobre al 1° novembre, lo storico borgo di Montone (Pg), uno dei Borghi più Belli d’Italia in Umbria, ospita la 37° edizione della “Festa del Bosco” una delle più suggestive e autentiche iniziative d’autunno in Umbria. La Festa del Bosco è una tradizione per la gente del luogo, come tradizione è che gli […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Gianni Rodari: inaugura la prima Escape room

Tra le pagine di C’era due volte il Barone Lamberto, GIANNI RODARI scrisse: “Non tutti saranno soddisfatti della conclusione della storia. Tra l’altro non si sa bene che fine farà Lamberto e cosa diventerà da grande. A questo, però, c’è rimedio. Ogni lettore scontento del finale può cambiarlo a suo piacere, aggiungendo al libro un […]

Leggi tutto