Come risparmiare grandi quantità d’acqua

Come ogni anno, l’arrivo della bella stagione non coincide soltanto con piacevoli nuotate sotto il sole e divertenti barbecue serali tra amici, ma solleva anche il problema della siccità, reso sempre più evidente dalle violente ondate di caldo estivo degli ultimi anni. Stando ai dati pubblicati dal World Economic Forum, la carenza d’acqua rappresenta a livello globale uno dei rischi principali per il genere umano (fonte: World Economic Forum, 2019: 14a edizione del Global Risk Report). Inoltre, si prevede che entro il 2050, la richiesta globale di acqua aumenterà in modo significativo (+55%), un dato quest’ultimo che sottolinea l’importanza di agire in tempi rapidi per favorire una migliore gestione delle risorse idriche (fonte: Bundesministerium für wirtschaftliche Zusammenarbeit und Entwicklung, 2020).

È proprio in questo contesto che si inseriscono i prodotti innovativi sviluppati da GROHE, brand leader a livello globale nelle soluzioni complete per il bagno e sistemi per la cucina, per un consumo sempre più responsabile di una risorsa fondamentale come l’acqua. Con tre pratici consigli, GROHE mostra come godersi le sue proprietà rinfrescanti in modo responsabile, così da risparmiare sui consumi anche durante i caldi mesi estivi, senza per questo rinunciare ai piaceri dell’acqua.

#1 Fare la doccia anziché il bagno

È possibile risparmiare grandi quantità d’acqua anche semplicemente scegliendo di fare la doccia invece del bagno. Se infatti sono necessari circa 150 litri d’acqua per riempire una vasca e fare un bagno completo, una doccia di 5 minuti richiede un consumo di soli 50 litri – il suggerimento dunque è quello di preferire la doccia al bagno. Inoltre, anche durante la doccia si possono seguire degli accorgimenti utili a cominciare dalla scelta dei prodotti, come termostatici che consentono di ottenere facilmente la temperatura desiderata, evitando di dover costantemente regolare il getto per ovviare ai continui sbalzi di temperatura o soffioni doccia che consentano di risparmiare acqua senza dover rinunciare ai piaceri di una doccia rigenerante.

#2 Utilizzare miscelatori per ridurre gli sprechi

Limitare i consumi idrici in bagno e in cucina, senza rinunciare al comfort e alla praticità della vita quotidiana? Oggi è possibile scegliendo rubinetteria di ultima generazione che sia dotata di tecnologie a risparmio idrico.

#3 Riduzione del getto d’acqua

Un semplice gesto quotidiano come lavarsi i denti o le mani può causare un enorme spreco e, soprattutto d’estate, ogni goccia è da considerarsi preziosa. Tuttavia, si tende per abitudine a lasciare che l’acqua scorra copiosamente, invece di limitarne l’uso allo stretto necessario. Anche in questo caso la tecnologia può venirci in aiuto. Per esempio, i rubinetti a infrarossi sono dotati di un dispositivo automatico di apertura-chiusura del getto che si attiva soltanto quando si avvicinano le mani all’erogatore, riducendo al minimo il consumo idrico.

News Tecnologia

Sempre più italiani amano i prodotti tecnologici

Italia, patria degli amanti del tech. Da quando ci svegliamo fino a quando andiamo a letto, ormai i dispositivi tecnologici sono diventati imprescindibili nella nostra quotidianità e non possiamo fare a meno di affidarci a loro per lavorare, rilassarci, leggere. Dagli oggetti hi-tech che rendono le nostre case sempre più smart, a gadget a cui […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Scuola

Educazione finanziaria: master in Private Banking & Wealth Management

Educazione finanziaria e formazione sono sempre di più temi nell’agenda degli operatori dell’industria del risparmio. In una società, come quella italiana, dove, favorire una maggiore cultura finanziaria è diventato imprescindibile, il settore, per primo, è chiamato a contribuire a questa alfabetizzazione finanziaria, partendo da percorsi formativi specialistici. Per questo, AIPB, l’Associazione Italiana Private Banking, il […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Per sapere quanto soffriamo, basterà un prelievo del sangue

A chi soffre di dolore cronico smetteremo a breve di chiedere “Ma quanto ti fa male?”. A questa risposta, ci hanno pensato i ricercatori italiani che dopo anni di studio, hanno avuto le conferme scientifiche(1-2) dal primo biomarker al mondo (MLM, Mu-Lympho-Marker) che permette di individuare l’esistenza e la prima scala di intensità del dolore […]

Leggi tutto