Smart Working Marathon: il lavoro agile come traguardo

È indubbio che il lockdown abbia trasformato il mondo del lavoro e abbia “obbligato” tantissime organizzazioni ed aziende a sperimentare lo smart working come nuovo modo di lavorare. E ha funzionato! Lavorare in smart working piace: secondo un recente sondaggio di Nomisma, il 56% di chi lo ha applicato vorrebbe continuare a farlo anche post-crisi e il 32% delle società intervistate hanno dichiarato che avrebbero continuato a lavorare in smart working anche dopo la fase di isolamento. Oggi, che ormai molte attività hanno ripreso la piena operatività, è necessario fare un punto su cosa è successo e come sfruttare al meglio ciò che si è “sperimentato”.

Ecco perché Copernico, la rete di luoghi di lavoro, uffici flessibili e servizi che favoriscono lo smart working e la crescita professionale e di business, dà il via alla Smart Working Marathon, due giorni di eventi per riflettere sulle esperienze di smart working di questi mesi e capire come rendere più agile il lavoro. Protagonisti saranno istituzioni, imprese, esperti del lavoro, che dibatteranno di quali siano le buone pratiche da adottare, quale la cultura manageriale da allenare, quali le tecnologie da utilizzare e le normative da seguire. Molti i workshop, i webinar e gli incontri in programma, in cui ci si interrogherà per prima cosa su cos’è lo smart working, erroneamente e spesso confuso con l’home working, su come lo si può applicare anche a contesti come le PMI, e come si può sviluppare una cultura aziendale che lo promuova in modo corretto.

Momento clou dei due giorni sarà la tavola rotonda che vedrà come protagonisti personaggi quali Francesca Puglisi – Sottosegretario di Stato al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, Maurizio Del Conte – Presidente presso AFOL Metropolitana, già presidente ANPAL, Marco Bentivogli – Sindacalista italiano, segretario generale Fim-Cisl, Annamaria Parente – Vicepresidente 11ª Commissione permanente (Lavoro, previdenza sociale) del Senato, e Emanuele Massagli – Presidente di ADAPT, Ricercatore in LUMSA, Presidente di AIWA e di ANSEB, che insieme discuteranno proprio sul futuro dello smart working.

“Il lockdown potrebbe aver segnato finalmente la fine del rapporto lavorativo solitamente identificato come “subordinato”, e aver involontariamente favorito un modello di lavoro maggiormente collaborativo basato su una più ampia autonomia e fiducia. Con incredibili risultati in termini di efficienza e benessere” – ha dichiarato Pietro Martani, Fondatore e CEO di Copernico – “Quel cambiamento che da anni promuoviamo e sosteniamo è finalmente arrivato, ma va affrontato nel modo corretto. Il lockdown ci ha messi di fronte ad una scelta obbligata, ora quella scelta dobbiamo farla nostra e farla diventare parte della nostra vita lavorativa, nel modo corretto e con consapevolezza. Ecco perché abbiamo voluto organizzare questa maratona che aiuta a districare i dubbi e a suggerire soluzioni a tutta la nostra community e a tutti coloro che siano interessati al tema.”

La Smart Working Marathon è realizza grazie al contributo di Cohengi, HEI – Human Experience Insights, Landoor, Luca Furfaro, SmartWorking srl, Variazioni.

Cultura e Società News Tecnologia

La pandemia spinge il mercato dei big data nella sanità

Mai come nell’ultimo anno i dati sono stati i principali protagonisti in tutti i settori socio-economici e in particolar modo all’interno del sistema sanitario. Come riportato da una ricerca pubblicata su Statista, nel 2016 il mercato globale dei Big Data nella sanità era valutato 11.5 miliardi di dollari: secondo le previsioni, complice la pandemia da […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Mamme / Covid, in aumento di circa il 10% le richieste di aiuto psicologico

Angelo del focolare, pilastro della famiglia e della società, di mamma ce n’è una sola, la mamma è sempre la mamma….Potremmo continuare così per ore, fino all’esclamazione ‘mamma mia!’ Nel parlare comune tra proverbi e modi di dire la figura della mamma ha sempre ricoperto un ruolo centrale. Il 9 maggio è la Festa della […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Disturbi del sonno: 1 italiano su 4 dorme male

In Italia ben 12 milioni di persone soffrono di disturbi del sonno: difficoltà di addormentamento, frequenti risvegli durante la notte, risvegli precoci la mattina e difficoltà di riprendere sonno. Secondo i recenti dati dell’Associazione Italiana per la Medicina del Sonno (AIMS), nel nostro Paese circa 1 adulto su 4 soffre di insonnia cronica o transitoria. […]

Leggi tutto
News IN DIES