Asili nido: lettera al Sindaco di Milano

Egregio Sindaco,
Ho molta stima verso di Lei e mi ritengo molto fortunata di vivere a Milano, ma ora che ho una famiglia sto vivendo in prima persona una situazione di cui voglio lei venga a conoscenza soprattutto perché coinvolge migliaia di genitori come me.
Ho 30 anni, mio marito 31 e abbiamo una bambina di 8 mesi. Un mutuo da pagare ogni mese e la rata della macchina. Io ho un contratto a tempo pieno, mio marito è libero professionista e torna tutti i giorni alle 20 e abbiamo ben 4 nonni. Come lei può immaginare, però, essendo noi ancora tutto sommato giovani, i nostri genitori lavorano tutto il giorno.
Abbiamo fatto domanda per iscrivere la bimba al nido e non è stata ammessa in nessuna delle 4 scuole scelte. Siamo in graduatoria, 30esimi, 26esimi, 50esimi, 29esimi.
Capisce bene che in una società come la nostra ed in questo momento storico, in cui si ha paura del futuro, incertezza lavorativa e ora a causa di un virus che ha paralizzato il mondo si teme anche per le proprie risorse, è inconcepibile per una giovane famiglia che lavora a tempo pieno non poter accedere ad un nido statale.
Una babysitter costa minimo 1200€ al mese, un nido privato 800. A questa somma va comunque aggiunto il costo mensile di una tata per i momenti in cui la bambina non sta bene. Uno dei nostri stipendi deve essere dedicato SOLO per impiegare la giornata di nostra figlia.
Sono escluse le vacanze, il cibo, i vestiti, le medicine, le visite mediche, i pannolini e via dicendo.
Quanto dovrebbe guadagnare una famiglia per potersi permettere anche un asilo privato? Sono felice di vivere a Milano, non me ne andrei per niente al mondo, ma è sotto agli occhi di tutti cosa costa una casa, un affitto ma anche solo una cena per due.
Parlate di incentivi alle famiglie, lamentate il calo drastico delle nascite, dite di sostenere le coppie in questo percorso in salita e giustamente fate campagne e slogan per dimostrare quanto sia necessario invertire la rotta.
In concreto come sostenete le famiglie?
Non è possibile dover essere sul lastrico oppure avere un isee di 15€ per poter accedere ai servizi comunali.
TUTTE le famiglie hanno bisogno di aiuti.
Certa di ricevere un Suo riscontro, ringrazio anticipatamente per il tempo che dedicherà al mio messaggio.
Buon lavoro
Clelia Andolina

Foto di mohamed Hassan da Pixabay
Cultura e Società News

Aumentano gli uomini nel lavoro domestico

Il lavoro domestico è storicamente visto come un’attività prettamente femminile, tanto che nel linguaggio comune si tende a declinare al femminile “le colf” e “le badanti”. Tuttavia, come sottolineato nel III Rapporto DOMINA sul lavoro domestico, negli ultimi anni è aumentata la componente maschile, in particolare nelle province del Sud. A Palermo e Messina, per […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Lavoro e contesto ibrido: 8 pratiche

A due anni dall’inizio della pandemia le soft skill sono sempre più necessarie per affrontare la trasformazione digitale accelerata dalla crisi sanitaria e la quotidianità lavorativa in divenire. Secondo i dati del Cegos Observatory Barometer 2021, 9 HR manager su 10 ritengono lo sviluppo delle competenze la chiave per fronteggiare questo contesto ibrido. Il Barometer […]

Leggi tutto
News

Genitori violenti e affido condiviso

Mantenere una continuità del rapporto genitore-figli è sempre tra le priorità del giudice che regolamenta la separazione dei genitori. Per questo motivo, salvo in situazioni che rappresentino una minaccia per i minori, si tende a prediligere l’affidamento congiunto. Ma come comportarsi nel caso in cui uno dei due genitori perpetri atti di violenza fisica e/o […]

Leggi tutto