I batteri resistenti agli antibiotici possono essere controllati

I batteri resistenti agli antibiotici possono essere controllati se si agisce rapidamente. I ricercatori dell’Università Ebraica di Gerusalemme (Israele) hanno dimostrato che i batteri resistenti possono essere trattati con le terapie attualmente disponibili.

In uno studio pubblicato sulla rivista “Science”, gli scienziati hanno detto che, come tutti gli organismi viventi, i batteri sviluppano difese contro elementi gli ostili nel loro ambiente. Una tattica comune è la tolleranza, cioè rimanere inattivi durante il trattamento antibiotico. In questo modo, i batteri evitano queste terapie perché gli antibiotici possono solo rilevare e uccidere obiettivi in ​​crescita. Tuttavia, questo stadio intermedio chiamato tolleranza agli antibiotici dura solo pochi giorni e non può essere rilevato nei laboratori standard.

Pertanto, i medici perdono la finestra di tolleranza e con essa l’opportunità di trattare un’infezione grave prima che diventi completamente resistente. Questa breve finestra non riguarda la maggior parte degli adulti sani, ma quei pazienti che combattono un’infezione del sangue con un sistema immunitario indebolito, per i quali questa finestra è critica e potrebbe significare la differenza tra la vita e la morte.

In uno studio precedente, questi stessi ricercatori israeliani avevano studiato dei batteri controllati in laboratorio.

Avevano sviluppato un modello matematico capace di descrivere, misurare e prevedere con successo quando i batteri sviluppano la tolleranza per un particolare antibiotico. Inoltre, avevano osservato che quando i batteri sviluppano tolleranza verso un antibiotico ci sono maggiori probabilità di sviluppare tolleranza verso altri antibiotici.

Ora, hanno ripetuto sia il loro studio sia il loro test di tolleranza, ma questa volta hanno analizzato campioni batterici giornalieri di pazienti ospedalizzati con infezioni da Staphylococcus aureus (MRSA) resistenti alla meticillina.

Lo schema trovato è stato sorprendentemente simile ai risultati di laboratorio.

I ricercatori vogliono dare nuova speranza ai pazienti con gravi infezioni, incoraggiando i centri medici ad adottare il test di laboratorio che hanno sviluppato e che misura la tolleranza agli antibiotici. Questa lettura consentirebbe ai medici di rilevare rapidamente e facilmente se i batteri di un paziente tollerano un trattamento antibiotico pianificato prima di essere somministrati.

Inoltre, in base al profilo batterico del paziente, i medici potrebbero selezionare gli antibiotici che hanno maggiori probabilità di successo, non scegliendoli ciecamente.

La giusta combinazione degli antibiotici disponibili all’inizio potrebbe aumentare notevolmente il tasso di sopravvivenza di un paziente prima che l’infezione diventi tollerante per tutti gli antibiotici.

Lifestyle News Salute

Il futuro della medicina è nelle tue cellule: investi nella tua salute!

Grazie all’allungamento della vita la donna trascorre circa 1/3 della vita in menopausa Seffiline è una start up italiana che si occupa dello sviluppo di dispositivi medici per la terapia rigenerativa a livello ambulatoriale. L’azienda ha lanciato una campagna su Mamacrowd, la più importante piattaforma italiana per investimenti in equity crowdfunding, che permette di investire […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto