Le varianti genetiche che predispongono alla gotta

La gotta è la forma più comune di artrite infiammatoria. L’aumentata concentrazione di acido urico nel sangue porta a depositi dolorosi. Alimenti grassi, alcol, poca attività fisica aumentano il rischio di sviluppare la malattia, influenzata da fattori ereditari.

Ora, i ricercatori dell’ospedale universitario di Friburgo che in uno studio, in tutto il mondo, hanno coinvolto oltre 457.000 persone, hanno pubblicato i risultati di un loro lavoro sulla rivista Nature Genetics.

“Grazie alle enormi dimensioni del nostro studio, siamo stati in grado di identificare numerose alterazioni geniche che influenzano i livelli di acido urico nel sangue e il rischio di gotta”, ha spiegato il capo dello studio Anna Köttgen, direttrice dell’Istituto di epidemiologia genetica dell’Ospedale universitario di Friburgo.

Nello studio, “l’incidenza della gotta era 100 volte superiore nel gruppo genetico ereditario rispetto a quello composto da persone con una predisposizione ereditaria molto bassa”, ha detto l’autrice

Inoltre, gli scienziati hanno identificato varianti genetiche che hanno effetti sui meccanismi regolatori dell’equilibrio dell’acido urico e potrebbero spiegare l’associazione di lunga data con altre malattie metaboliche come l’aumento dei livelli lipidici nel sangue.

Gotta, livelli lipidici nel sangue, diabete, obesità: la predisposizione all’aumento delle concentrazioni di acido urico nel sangue è associata a una varietà di disturbi, secondo lo studio attuale.

occhio
Lifestyle News Salute

Sindrome di Adie, quando le pupille si dilatano

Le pupille, ovvero la parte nera al centro dell’occhio, sono controllate dai muscoli dell’iride (la zona pigmentata) che, a sua volta, dipende dal sistema nervoso autonomo. Il fenomeno avviene per regolare la quantità di luce che entra nell’occhio: si dilatano se siamo al buio e si restringono negli ambienti molto luminosi. Sebbene con l’età tenda […]

Leggi tutto
Assistenza infermieristica - Theresa Brown
Lifestyle News Salute Tecnologia

Infarto: salvare vite con i droni negli ospedali italiani

Ogni anno in Italia 150mila persone sono colpite da infarto: di queste 25mila muoiono prima di arrivare in ospedale a causa dei ritardi nelle operazioni di soccorso. Vite che potrebbero essere salvate se solo si riuscisse a prestare loro le cure necessarie in tempi rapidi. Una “strage” che secondo VISIONARI NO PROFIT – associazione per […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid e cure domiciliari

L’aumento dei contagi nelle ultime settimane ha posto nuovamente tanti pazienti di fronte alle difficoltà di gestire l’infezione da SARS-CoV-2 a domicilio. I sintomi generalmente lievi che caratterizzano i pazienti vaccinati colpiti dalla variante Omicron hanno moltiplicato il numero dei soggetti a cui prestare attenzione, molti dei quali cercano la gestione migliore per la propria […]

Leggi tutto