I batteri del corpo possono scatenare l’infarto

I microrganismi presenti nel corpo possono contribuire alla destabilizzazione delle placche coronariche e a un conseguente attacco cardiaco, secondo una nuova ricerca presentata all’ESC 2019, che ha avuto luogo a Parigi insieme al Congresso Mondiale di Cardiologia WCC.

Lo studio ha scoperto che, a differenza dei batteri intestinali, i batteri delle placche coronariche sono pro-infiammatori. Inoltre, i pazienti con sindrome coronarica acuta ( attacco cardiaco ) nello studio presentavano batteri intestinali diversi rispetto ai pazienti con angina stabile.

Dieta, fumo, inquinamento, età e farmaci hanno un impatto importante sulla fisiologia cellulare, sul sistema immunitario e sul metabolismo.

Ricerche precedenti avevano indicato che questi effetti sono mediati dai microrganismi nel tratto intestinale. Questo studio ha analizzato il contributo del microbiota all’instabilità delle placche coronarie.

Gli studiosi hanno arruolato 30 pazienti con sindrome coronarica acuta e dieci pazienti con angina stabile. Hanno isolato i batteri intestinali da alcuni campioni di feci e i batteri della placca coronarica tramite palloncini di angioplastica.

Il confronto tra il microbiota nelle feci e le placche coronariche ha rivelato una diversa composizione nei due siti. Mentre i batteri fecali avevano una composizione eterogenea e una pronunciata presenza di batterioideti e firmicute, le placche coronarie contenevano principalmente microbi con fenotipi pro-infiammatori appartenenti a proteobatteri e actinobatteri.

Il primo autore dello studio, Eugenia Pisano, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma, ha dichiarato: “Ciò suggerisce una ritenzione selettiva dei batteri pro-infiammatori nelle placche aterosclerotiche , che potrebbe provocare una risposta infiammatoria e la rottura della placca”.

Le analisi hanno anche rivelato differenze nel microbiota intestinale tra i due gruppi di pazienti. Quelli con sindrome coronarica acuta avevano più Firmicutes, Fusobacteria e Actinobacteria, mentre Bacteroidetes e Proteobacteria erano più abbondanti in quelli con angina stabile.

La Pisano ha dichiarato: “Abbiamo trovato un diverso microbioma intestinale nei pazienti acuti e stabili. Le diverse sostanze chimiche emesse da questi batteri potrebbero influenzare la destabilizzazione della placca e il conseguente attacco cardiaco. Sono necessari studi per esaminare se questi metaboliti influenzano l’instabilità della placca “.

Ha osservato che fino ad oggi la ricerca non ha dimostrato in modo convincente che le infezioni e la conseguente infiammazione sono direttamente coinvolte nel processo di instabilità della placca e insorgenza di infarto . Ad esempio, gli antibiotici contro la clamidia pneumoniae non sono riusciti a ridurre il rischio di eventi cardiaci.
Ma ha detto: “Anche se questo è un piccolo studio, i risultati sono importanti perché rigenerano l’idea che, almeno in un sottogruppo di pazienti, i trigger infettivi potrebbero svolgere un ruolo diretto nella destabilizzazione della placca. Ulteriori ricerche ci diranno se gli antibiotici possono prevenire eventi cardiovascolari in alcuni pazienti”.

La Pisano ha concluso: “Il microbiota nell’intestino e la placca coronarica potrebbero avere una funzione patogenetica nel processo di destabilizzazione della placca e potrebbero diventare un potenziale bersaglio terapeutico”.

Lifestyle News

“Antonio” è il secondo italiano che potrà accedere al suicidio assistito

“Antonio”, paziente marchigiano tetraplegico dal 2014, è il secondo italiano che potrà accedere legalmente al suicidio assistito in Italia. Dopo Federico Carboni, ora anche “Antonio”, assistito dal collegio legale dell’Associazione Luca Coscioni*, è riuscito a far valere il proprio diritto di vedere rispettata la sua volontà di accedere al suicidio medicalmente assistito. La procedura in […]

Leggi tutto
Credits: Karina Mendoza
Cultura e Società Lifestyle News

Ferragosto: ecco le idee per una grigliata 100% vegetale

Troppo spesso la griglia è terreno di scontro per chi ha scelto un’alimentazione senza derivati animali e chi invece ne consuma ancora, ma come Animal Equality abbiamo voluto divulgare nuovamente quanto sia semplice e possibile scegliere di sfatare questo mito. Oggi è possibile infatti realizzare un vero e proprio barbecue – con profumi, sapori, salse […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Quando il ballo diventa un alleato per la salute e la felicità

Unione, aggregazione e libertà: sono solo alcuni degli elementi chiave che costituiscono le fondamenta di una delle discipline più antiche del mondo, la danza. Da sempre considerato come un linguaggio universale, il ballo è in grado di raccontare ed esprimere attraverso il movimento del corpo tutto ciò che le parole non sono in grado di […]

Leggi tutto