Escherichia Coli, importante rispettare i limiti di balneazione

Il 30 luglio è stato disposto dai comuni interessati il divieto di balneazione temporaneo in 18 punti del litorale romagnolo: 13 aree nel riminese, due zone a Lido di Volano (Ferrara), una a Savignano, una a Cesenatico e una San Mauro, nella provincia di Forlì-Cesena. Causa di questa disposizione è lo sforamento, rilevato dall’Arpae (Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l’energia dell’Emilia-Romagna), dei parametri di legge relativi alla presenza di Escherichia coli ed Enterococchi nelle acque.

Escherichia coli (E.coliè il principale batterio che colonizza fisiologicamente il colon dell’uomo e quindi il batterio più rappresentato nelle feci umane – spiega Francesco Cristini, Direttore Unità Operativa Complessa di Malattie Infettive Rimini Forlì Cesena e membro della SIMIT – Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali. – Dal punto di vista clinico è il principale agente eziologico di infezioni frequenti come quelle urinarie. Nonostante sia un normale ‘abitante’ dell’intestino, alcuni ceppi particolari di E. coli possono essere patogeni anche verso l’intestino stesso, causando principalmente disturbi di tipo gastroenterico, molto spesso autolimitantesi”.

LA RESISTENZA DI ESCHERICHIA COLI AGLI ANTIBIOTICI – Quasi la metà dei ceppi di Escherichia coli sono resistenti ad antibiotici, molti di questi sono resistenti a più classi di antibiotici di ampio utilizzo, come i fluorochinoloni e le cefalosporine ad ampio spettro cosiddette di terza generazione. Oggi questi antibiotici, estremamente efficaci nel passato, possono risultare inefficaci in un numero non trascurabile di infezioni da Escherichia coli, il cui trattamento richiede l’utilizzo di farmaci a più ampio spettro.

Siccome E.coli può avere profili di resistenza agli antibiotici anche complessi, va da sé che l’aspetto preventivo verso le malattie tipiche sostenute da questo patogeno è prioritario – aggiunge Cristini. – Di conseguenza, il divieto di balneazione nei giorni ‘critici’ segnalati dalle autorità competenti sono giusta opera di prevenzione. Tutto questo in teoria, nella pratica è comunque rasserenante il fatto che non vi sia stata un ripercussione clinica sulla popolazione che sta vivendo sulla Costa Romagnola. Nonostante la franca evidenza, guardando la spiaggia, che molti bagnanti non rispettano tale divieto. Non vi sono infatti al momento segnalazioni ufficiali da parte degli organismi preposti, e neppure il ‘sentore’ da parte di chi lavora quotidianamente nella sanità, che vi siano problemi di salute in atto nella popolazione che sta vivendo sulla Costa Romagnola”.

I CONSIGLI ALLA POPOLAZIONE – Secondo il parere degli specialisti, è importante che le persone rispettino ed applichino le indicazioni al divieto alla balneazione quando in atto. “Questi limiti che vengono imposti – conclude Cristini – rappresentano infatti una giusta precauzione per la salute dei bagnanti e la loro applicazione è anche un gesto di rispetto verso chi sta lavorando per far rientrare i livelli di contaminazione delle acque entro i limiti di sicurezza”.

News Notizie

Maltrattamenti e uccisioni di animali, inchiesta Zema di Cremona

A seguito della denuncia da parte di Animal Equality Italia nei confronti dell’impianto di macellazione Zema S.r.l., la Procura di Cremona ha rinviato a giudizio il titolare del macello per maltrattamento di animali e, su richiesta dello stesso, gli ha consentito la messa alla prova, ovvero la possibilità di sospendere il procedimento penale a fronte […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Pandemia: gli anziani più resilienti dei giovani

Con la pandemia, gli italiani anziani si sono dimostrati molto più resilienti dei giovani. Se durante il lockdown, con tutte le sue restrizioni e opportune segregazioni, si temeva un incremento dei suicidi e dei disturbi psico-sociologici negli over 65, tali ipotesi sono state sconfessate in tutto il mondo. Contrariamente a quanto si potesse pensare, sono […]

Leggi tutto
News Notizie

Terzo Settore: non snaturare le finalità originarie del 5 per mille

Dal 2006 il “5 per mille” consente agli enti del Terzo Settore di svolgere attività di interesse generale con ampia ricaduta sociale che diversamente non si potrebbero realizzare. Attraverso questo strumento di sussidiarietà fiscale, lo Stato dà al contribuente la possibilità di decidere a chi destinare una quota delle imposte dovute, scegliendo fra gli enti […]

Leggi tutto