Viaggiare con una mente aperta e curiosa

Un nuovo studio globale realizzato da momondo.it, piattaforma digitale per la ricerca di voli e hotel, rivela la percezione che le persone hanno del mondo in cui vivono: sempre più diviso. Infatti, oggi, il 49% degli intervistati ritiene che le persone siano meno tolleranti nei confronti di altre culture rispetto a cinque anni fa. Tuttavia, la grande maggioranza della popolazione mondiale crede che esistano molti più elementi che uniscono le persone di quanti le dividano e che ognuno possa contribuire, nel suo piccolo, a rendere il mondo più unito. Lo studio, inoltre, evidenzia la stretta correlazione tra l’abitudine a viaggiare e lo sviluppo di una maggior apertura verso culture e popoli diversi.

“La missione di momondo è rendere il mondo un luogo più aperto e la nostra ultimissima iniziativa ne è la riconferma. I viaggi sono uno strumento per aprire i propri orizzonti, poiché ci consentono di osservare da una diversa prospettiva non solo altri popoli e culture, ma anche noi stessi e il paese da cui proveniamo.”, afferma Per Christiansen, VP Marketing EMEA di momondo.

“Per contrastare la percezione di un mondo sempre più diviso, emersa dal nostro studio, abbiamo deciso di creare una manifestazione vivente e dal forte impatto visivo del legame che esiste tra gli esseri umani. Abbiamo chiesto a persone di tutto il mondo, ciascuna con una storia diversa, di partecipare offrendosi per la realizzazione di un tatuaggio che collegasse le loro schiene grazie a un’unica linea continua, a dimostrazione che, nonostante le nostre differenze, siamo tutti uniti dalla nostra umanità. Ci ha colpito ricevere così tante candidature per il progetto”.

Tra le migliaia di persone che si sono candidate, ne sono state selezionate 61 provenienti da realtà sociali e Paesi diversi, che hanno trasformato la propria pelle in una tela per raccontare la propria storia e farsi portavoce dell’importante mission di unire il mondo. Ciascuno di loro ha ricevuto un tatuaggio unico, disegnato dal tatuatore di fama mondiale Mo Ganji, e tutti si sono poi riuniti per condividere le proprie esperienze di vita, ritrovandosi fianco a fianco per creare The World Piece: un’opera d’arte unica mai realizzata prima.

Per Christiansen continua: “Viaggiare è uno dei modi migliori per creare un senso di unione tra le persone. Vogliamo che The World Piece dia vita ad un dialogo globale, che ispiri le persone a viaggiare con una mente aperta e curiosa, per creare legami con gli altri e rendersi conto che abbiamo molte più cose in comune che ci uniscono di quante immaginiamo possano dividerci”.

The World Piece è solo una delle tante iniziative che dimostrano l’impegno di momondo nel rendere il mondo un luogo più aperto e tollerante. Tra le altre spiccano: Open World Projects, The Passport Initiative, il sostegno a favore di CISV International e The DNA Journey.

Informazioni sul concorso:

momondo offre a due persone l’opportunità di partecipare a The World Piece. Due vincitori di culture e Paesi diversi verranno selezionati in base alle motivazioni che li spingono a contribuire a unire il mondo e vinceranno un viaggio di tre giorni a Berlino (comprensivo di voli e hotel) per farsi realizzare un tatuaggio dal tatuatore Mo Ganji, che si collega a quelli già realizzati. Fino a 20 persone riceveranno ognuna € 1.000 per visitare il Paese che a loro avviso li aiuterebbe ad aprire maggiormente la propria mentalità nei confronti del mondo. Ulteriori informazioni qui.

Cultura e Società News Scienza

A Pavia si accendono “Lanterne scientifiche”

“Lanterne scientifiche: orientarsi nella complessità” è la rassegna proposta dal Collegio Ghislieri di Pavia a partire da giovedì 3 febbraio. Ideatore e organizzatore è uno dei più importanti genetisti e zoologi italiani: l’accademico dei Lincei Carlo Alberto Redi coinvolgerà il filosofo Telmo Pievani, il matematico Piergiorgio Odifreddi, l’oncoematologo del San Raffaele Paolo Ciceri, lo scrittore […]

Leggi tutto
Foto di mohamed Hassan da Pixabay
Cultura e Società News

Aumentano gli uomini nel lavoro domestico

Il lavoro domestico è storicamente visto come un’attività prettamente femminile, tanto che nel linguaggio comune si tende a declinare al femminile “le colf” e “le badanti”. Tuttavia, come sottolineato nel III Rapporto DOMINA sul lavoro domestico, negli ultimi anni è aumentata la componente maschile, in particolare nelle province del Sud. A Palermo e Messina, per […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Lavoro e contesto ibrido: 8 pratiche

A due anni dall’inizio della pandemia le soft skill sono sempre più necessarie per affrontare la trasformazione digitale accelerata dalla crisi sanitaria e la quotidianità lavorativa in divenire. Secondo i dati del Cegos Observatory Barometer 2021, 9 HR manager su 10 ritengono lo sviluppo delle competenze la chiave per fronteggiare questo contesto ibrido. Il Barometer […]

Leggi tutto