Kufsteinerland: quando lo spettacolo diventa Patrimonio dell’Unesco

Nel 2013 l’UNESCO ha inserito i “Passionsspiele” di Erl nella lista dei Patrimoni orali e immateriali dell’Umanità: questo grandioso spettacolo che ogni sei anni viene messo in scena nell’imponente teatro di Erl (che ospita fino a 1.500 spettatori) è un’opera d’arte che contraddistingue e ha contraddistinto nei secoli questa parte dell’Austria. Considerando che il paese di Erl ha solamente 1450 abitanti, ne consegue che il teatro è un punto fondamentale della vita culturale di Erl e di tutto il Kufsteinerland, il territorio tirolese che gravita intorno Kufstein e che comprende anche Erl.
Se poi si aggiunge che i 600 attori che recitano nei “Passionsspiele” sono gli abitanti stessi di Erl, l’evento teatrale diventa un avvenimento unico al mondo.
Da quattrocento anni questa tradizione è portata avanti dagli abitanti Erl, i quali, per salire sul palco nelle antiche vesti di chi conobbe Gesù, non tagliano capelli e barba per parecchi mesi antecedenti i Passionsspiele. Quasi la metà degli abitanti di Erl recita sull’immenso palco del teatro da maggio a ottobre, per preservare la tradizione. Praticamente quasi tutto il paese partecipa a questo incredibile spettacolo, le cui origini sono ricondotte al 1623, quando la popolazione decise di mettere in scena la Passione di Cristo, per ringraziare il Signore che aveva protetto le famiglie dalla guerra e dalla peste. E’ la rappresentazione teatrale più antica tra quelle in lingua tedesca.  

Precisamente dal 26 maggio al 5 ottobre 2019 verranno portate in scena 32 esibizioni teatrali (tutti i sabati e le domeniche dalle ore 13 alle 16) nel celebre teatro “Passionsspielhaus” ovvero “Edificio del Teatro della Passione” costruito 60 anni fa appositamente per recitare la Passione; si tratta di un teatro dall’incredibile acustica e dal design particolare. Non potendo essere riscaldato è utilizzato solo dalla tardi primavera ad inizio autunno. Le musiche sono state appositamente scritte dal compositore viennese Wolfram Wagner: l’orchestra suona dal vivo, diretta dal Maestro Drummond Walker. Il testo è stato scritto dal drammaturgo tirolese Felix Mitterer e mette in risalto la drammaticità della Passione di Cristo. L’opera è cantata e recitata in tedesco, con sottotitoli in inglese. Regista è Markus Plattner, classe 1976, residente proprio a Erl e nato a pochi km da Erl. Designer delle luci è Rapf Wapler che, grazie al gioco di luci, crea sul palco atmosfere drammatiche, avvolgendo i personaggi di mistero o regalando loro luce portandoli fuori dall’oscurità.

Cultura e Società News

Covid, in Italia 96 mila mamme hanno perso il lavoro

Le mamme con figli minorenni in Italia sono poco più di 6 milioni e nell’anno della pandemia molte di loro sono state significativamente penalizzate nel mercato del lavoro, a causa del carico di lavoro domestico e di cura che hanno dovuto sostenere durante i periodi di chiusura dei servizi per l’infanzia e delle scuole. Su […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Mediterraneo: Italia ininfluente senza l’Europa

Vita, energia, sviluppo, ma anche migrazioni, morte e terrorismo. Il mar Mediterraneo è la vera scommessa di oggi per il futuro dell’Italia ma soprattutto dell’Europa tutta. «Sul Mediterraneo l’Europa non si gioca solamente la propria credibilità, ma anche la propria sopravvivenza». Pier Ferdinando Casini, senatore, membro della commissione Affari esteri ed Emigrazione e della commissione […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Rosario Livatino: domenica la beatificazione del giudice martire

É di Papa Francesco che domenica 9 maggio lo eleverà all’onore degli altari, la prefazione al libro Rosario Angelo Livatino. Dal “martirio a secco” al martirio di sangue curato dall’arcivescovo di Catanzaro-Squillace Vincenzo Bertolone, postulatore della causa di beatificazione del “giudice ragazzino” (e di don Pino Puglisi). Edito da Morcelliana (pagg.192, euro 17), il volume […]

Leggi tutto
News IN DIES