Le fibre solubili abbassano il diabete

Le persone con diabete che assumono integratori di fibre solubili hanno zuccheri nel sangue leggermente più bassi rispetto ai diabetici che non aggiungono queste fibre nelle loro diete, si legge in una nuova ricerca, apparsa su Diabetes Care.

I ricercatori per giungere alle loro conclusioni si sono concentrati sugli integratori contenenti fibre viscose, un tipo di fibra solubile che forma un gel denso, se mescolato con acqua. Alimenti come legumi, asparagi, avena e lino contengono fibre viscose, come gomma di guar, psillio e pectina.

Per esaminare la connessione tra i supplementi di fibre viscose e lo zucchero nel sangue, i ricercatori hanno esaminato i dati di 28 studi clinici per un totale di 1.394 partecipanti con diabete.

Nello studio, le persone che avevano assunto integratori di fibre viscose, con dosi consumate superiori a 13 grammi al giorno, per periodi da tre settimane a un anno, rispetto ai partecipanti che non avevano assunto fibre viscosa, avevano avuto un miglior controllo dello zucchero nel sangue, avevano bassi livelli di emoglobina (Hb) A1c, che riflette la glicemia media su circa tre mesi, avevano anche bassi livelli di zucchero nel sangue a stomaco vuoto (glicemia a digiuno).

Questi risultati “suggeriscono che l’assunzione di circa 1 cucchiaio di fibre viscose concentrate come konjac, guar, pectina o psillio comporta una riduzione di A1c e di altri fattori di rischio per il diabete”, ha detto l’autore senior dello studio Vladimir Vuksan del St. Michael Hospital e dell’Università di Toronto, in Canada.

Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Long Covid: la metà dei pazienti ha sintomi due anni dopo l’infezione

Dopo due anni di pandemia abbiamo imparato a convivere con il Covid-19, ma oggi sappiamo di più sugli effetti a lungo termine. Secondo il più lungo studio di follow-up fino effettuato pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine, la metà dei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale ha ancora almeno un sintomo due anni dopo l’infezione […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Allergie primaverili, quanto incidono sugli occhi?

Con l’’arrivo del caldo e della bella stagione arrivano anche le allergie primaverili; questo periodo dell’anno è infatti quello con la maggior produzione di pollini da parte delle piante, che si concentrano nell’aria e possono far nascere le temute reazioni allergiche. Anche se in generale si parla di allergie primaverili questo termine di solito si […]

Leggi tutto