XVIII edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo. Gli incontri di Stoccolma

L’italiano e la rete, le reti per l’italiano:
gli incontri dell’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma per la
XVIII edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo

 

Martedì 16 ottobre e martedì 23 ottobre
Istituto Italiano di Cultura “C.M.Lerici” – Auditorium Nervi

Il rapporto fra la nostra lingua e il mondo di internet, i continui e repentini mutamenti che essa attraversa, le prospettive dischiuse dalle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione: sono solo alcuni degli argomenti che verranno discussi a Stoccolma durante la XVIII Edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, quest’anno a tema L’italiano e la rete, le reti per l’italiano. Nella suggestiva cornice dell’Auditorium Nervi dell’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma “C.M. Lerici” – con sede nell’edificio progettato da Gio Ponti 60 anni fa, esempio tangibile della concezione artistica inclusiva e orientata alla condivisione del famoso architetto – il pubblico avrà l’occasione di riflettere, insieme alle coppie formate da Mauro Covacich e Alessandro Beretta e Federica Manzon e Giorgio Vasta, sulle implicazioni e i molteplici significati della parola “rete”, da trama che abbraccia e comprende aiutando a superare barriere fisiche e linguistiche, a terreno multiforme esposto a modifiche e cambiamenti costanti e inarrestabili.

Il focus dei due appuntamenti in programma martedì 16 e martedì 23 ottobre sarà il carattere camaleontico della nostra lingua, diversa secondo i contesti, l’oralità o la scrittura, l’età di chi parla e di chi ascolta. Con un denominatore comune: il bisogno di interagire. A quale alfabeto sentimentale fanno ricorso gli appartenenti a una generazione nata e cresciuta senza internet ma che nella tecnologia scopre nuove possibilità mai immaginate? E quali sentimenti riescono a esprimersi proprio grazie ai social che, mentre illudono con l’immediatezza del contatto, permettono invece di re-inventarsi come novelli Cyrano? Che si tratti di narrativa come di giornalismo, l’interrogativo di partenza è il medesimo: come dare voce al nostro pensiero.

A rispondere per primo sarà lo scrittore Mauro Covacich che, insieme al giornalista del “Corriere della Sera” Alessandro Beretta, incontrerà i suoi lettori svedesi martedì 16 ottobre alle ore 18. A partire dai suoi due libri A perdifiato (Mondadori, 2003) e La sposa (Bompiani, 2014), entrambi pubblicati in Svezia dalla casa editrice Contempo, l’autore riflette sulla Parola che connette chiudendo l’incontro con un reading molto personale, tra memoria privata e moderni strumenti di comunicazione: il racconto, già apparso sulle colonne de “la Lettura” – il supplemento domenicale del quotidiano di via Solferino – di come sua madre a 77 anni abbia sconfitto la solitudine della senilità servendosi di un antidoto tipicamente giovanile: Facebook.

Proprio il digitale è al centro del dialogo di martedì 23 ottobre, sempre alle ore 18, tra Federica Manzon e Giorgio Vasta, che delineano una inesplorata geografia dei sentimenti percorrendo i nuovi sentieri aperti dalla modernità. Quali sono i meccanismi e le peculiarità della scrittura online? Se è vero, come affermava McLuhan, che “il medium è il messaggio”, come possiamo riportare i contenuti al centro della scena? Una scrittrice che ha dedicato il suo ultimo romanzo al potere e alle illusioni delle relazioni virtuali si confronta con un collega, pioniere della letteratura nata e letta su internet, per individuare le nuove metriche della scrittura 2.0.

 

News Notizie

Invasione dell’Ucraina e rincaro dei generi alimentari, un impatto destinato a durare

A cura di Felix Odey, Portfolio Manager, Global Resource Equities, Schroders Le oscillazioni dei prezzi di alcune materie prime agricole sono state drammatiche da quando la Russia ha invaso l’Ucraina alla fine di febbraio: i prezzi, in particolare del grano, hanno fatto un balzo in avanti e riteniamo che possano rimanere su livelli così alti […]

Leggi tutto
News Notizie

“Guerra economica”: fine della globalizzazione e del regno del dollaro?

A cura di Jeffrey Cleveland, Chief Economist di Payden & Rygel L’invasione russa dell’Ucraina ha scatenato una risposta unitaria da parte dell’Occidente, apparentemente senza precedenti, consistente in una raffica di sanzioni economiche contro Mosca. I commentatori hanno prontamente dichiarato la fine della globalizzazione e del regno del dollaro statunitense come valuta di riserva. La Storia […]

Leggi tutto
News Notizie

La transizione energetica ha in sé i concetti di crescita e trasformazione

A cura di Xavier Chollet, Senior Investment Manager e gestore del fondo Pictet-Clean Energy di Pictet Asset Management La transizione energetica ha in sé i concetti di crescita e trasformazione, in un contesto in cui governi, aziende e singoli individui diventano gli artefici del mondo che verrà Quando si parla di transizione energetica va sottolineato […]

Leggi tutto