Inglese: le frasi che gli italiani imparano per viaggiare

Nella società italiana si riscontra una tendenza crescente a viaggiare all’estero. Questa moda è una dei principali motori che motiva ad imparare le lingue, soprattutto l’inglese. Il 72% degli italiani impara delle frasi in inglese prima di viaggiare, secondo uno studio realizzato da ABA English, accademia d’inglese online con milioni di alunni in tutto il mondo.

Per aiutare tutti coloro che scelgono di partire verso paesi anglofoni nelle prossime settimane, ABA English presenta una guida delle espressioni in inglese più utili per far fronte alle situazioni quotidiane che si presentano in qualsiasi viaggio.

Problemi negli aeroporti

Come si evince dallo studio, i problemi con la lingua iniziano perfino durante lo spostamento. Il 38% degli italiani riconosce di aver riscontrato dei problemi nell’esprimersi correttamente in inglese negli aeroporti.

 

È per questo che prima di imbarcarsi per l’avventura, è consigliabile imparare alcune frasi fondamentali. All’arrivo in aeroporto Where is the check-in? (dov’è l’imbarco?). Una volta fatto ciò, proseguiamo fino al controllo passaporti, dove chiederanno Please, can you show me your passport and your boarding pass? (per favore, può favorire passaporto e carta d’imbarco?). In seguito il tuo interesse si concentrerà su When does flight number XX take off? Is it delayed? (A che ora parte il volo XX? È in ritardo?). Una volta seduti sull’aereo, se non abbiamo il posto accanto al nostro compagno di viaggio, possiamo ricorrere alla domanda più comune Would you mind changing your seat with me? (Le dispiace cambiare il suo posto con il mio?). Atterrati nella meta di destinazione, se non si vede la valigia sul nastro trasportatore, ci si dirige all’ufficio oggetti smarriti, Hi, I’ve just arrived on flight XX. My luggage was supposed to come out on conveyor belt 4, but it wasn’t there (Salve, sono appena atterrato con il volo XX. La mia valigia sarebbe dovuta arrivare sul nastro 4, però non c’era).

Arrivo all’alloggio

Secondo i dati rilevati dallo studio, anche le situazioni negli alloggi possono arrivare ad essere complicate, considerando che più della metà degli italiani ha riscontrato difficoltà in un hotel per la mancanza di fluidità esprimendosi in inglese.

 

Affinchè il nostro arrivo sia gestito facilmente, ABA English propone d’iniziare con Hello, I have a reservation under the name of XX (salve, ho una prenotazione a nome di XX). Normalmente il personale risponderà Could you please give me your documentation and fill out this form? (può mostrarmi la documentazione e compilare il questionario?). In seguito sarà necessario avere chiare alcune cose, tra cui Is breakfast included? (è inclusa la colazione?) o When is check-out time? (a che ora è il check-out della stanza?).

 

Al ristorante

Gli amanti della gastronomia saranno ansiosi di provare le specialità locali. Senza dubbio, quasi il 25% degli italiani dichiara di aver pagato di più in un ristorante per non aver saputo comunicare in inglese, quindi meglio ricordare alcune frasi fondamentali per evitare imprevisti.

 

Entrando nel locale Could we get a table for XX people? (Possiamo avere un tavolo per XX persone?). Quando arriva il momento di ordinare I would like to drink/have… (da bere/mangiare vorrei…). Nei casi, sempre più frequenti, in cui si fosse allergici o intolleranti a qualche alimento, si dovrà dire I am allergic to… (sono allergico a…). Alla fine del pasto, Could you bring us the bill, please? (ci può portare il conto per favore?). Non dimenticare di controllare che non ci siano degli errori, I am afraid that the bill is wrong, I didn’t order XX (credo che ci sia un errore, non ho ordinato…).

 

In viaggio

Che sia in spiaggia, in montagna o in città, il 62% degli italiani ammette di aver sentito l’esigenza di possedere un livello d’inglese più alto per poter viaggiare.

 

Per vivere al meglio l’esperienza nella meta prescelta e non perdersi i luoghi emblematici della zona, si può chiedere al rispettivo ufficio del turismo Is there something special you would recommend to see in XX (c’è qualcosa di speciale da visitare che ci può raccomandare?). È possibile che i posti che si vogliano visitare siano lontani tra loro, perciò potrebbe essere utile chiedere Where can I hire a car/bike/motorbike? (dove posso affittare una macchina/bicicletta/moto?). Senza dubbio la frase che si utilizzerà più spesso sarà Could you take a photo of us? (ci può fare una foto per favore?). Non restare senza i tuoi ricordi!

 

Infine, non resta che augurarti Have a nice holiday! (Passa delle belle vacanze!)

Cultura e Società News Scuola Tecnologia

Pavese-Fenoglio sul social network della lettura per le scuole secondarie

Giovani, donne, territori, nelle opere di due dei maggiori autori italiani, Cesare Pavese e Beppe Fenoglio: è questo il tema del nuovo percorso di social reading, il social network della lettura, che accompagnerà nuovamente ragazze e ragazzi delle scuole secondarie di tutta Italia alla scoperta di Cesare Pavese e Beppe Fenoglio, di cui quest’anno ricorre […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Al via “Transval-Eu” sul valore delle competenze trasversali nel mercato del lavoro

I processi di riconoscimento e validazione delle competenze trasversali di lavoratori e disoccupati svolgono un ruolo sempre più importante ai fini di un efficace incontro tra domanda di lavoro e inserimento lavorativo: spesso gli apprendimenti maturati nel corso della propria vita a livello personale e professionale non sono adeguatamente riconosciuti e valorizzati nel mercato del […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Tecnologia

Piccoli rifiuti elettronici, la raccolta è di prossimità

Piccoli rifiuti elettronici, la raccolta è di prossimità. Sono quasi 20 le tonnellate di smartphone, piccoli elettrodomestici e lampadine a risparmio energetico che sono state conferite nel 2021 alle 33 EcoIsole RAEE del consorzio Ecolight. Con una crescita di oltre il 27% rispetto all’anno precedente, rappresentano una possibilità per incrementare la raccolta di questa tipologia […]

Leggi tutto