Emicrania, fattore di rischio per l’ictus

Arriva dal 9° congresso ANIRCEF in corso alla Statale di Milano una smentita ad anni di studi che indicavano come l’emicrania, in particolare quella con aura, rappresentasse un in particolare per donne con meno di 45 anni che fumano e prendono la pillola e sono talora portatrici di particolari alterazioni della crasi ematica, cioè dei meccanismi di coagulazione del sangue.

 

Dopo averne selezionate oltre un centinaio in modo da ottenere una pura “razza” di giovani emicraniche di questo tipo, i neurologi dell’Ospedale San Carlo di Milano diretti da Fabio Frediani hanno verificato tramite risonanza magnetica che non presentavano alcuna lesione corticale escludendo quindi  il rischio di ictus e di altri problemi vascolari.

 

ATTENTA SELEZIONE 
Rispetto ai precedenti studi di questo tipo che indicavano il rischio di malattie cerebrovascolari in giovani emicraniche che fumano e prendono la pillola, quello presentato a Milano dal dr Alberto Galli del gruppo del San Carlo si basa su un maggior numero di pazienti giovani (30 anni in media) attentamente selezionate.

 

CAUTELA
Nel 2016 uno studio dello Stroke Institute di Minneapolis aveva prospettato questo rischio anche per le over-anta (50-79 anni) affette da emicrania con aura che si sottopongono a terapia ormonale sostitutiva e soprattutto per quelle in cui il mal di testa non era migliorato, dato confermato dallo studio presentato al congresso di Milano da Elio Agostoni. Presidente Eletto Anircef e Direttore SC Neurologia e Stroke Unit del Niguarda di Milano che sottolinea come sia importante andare cauti sull’esclusione assoluta di queste associazioni.

 

BUONA NOTIZIA 
In attesa di ulteriori studi che possano confermare questo o i precedenti studi, Fabio Frediani, che è Presidente ANIRCEF e del congresso di Milano, sottolinea che “Chi soffre di una patologia cronica come l’emicrania, soprattutto quella con aura, è comunque portato a recarsi più spesso dal medico a causa della maggior gravità della sua condizione cronica ricorrente ed è quindi seguito con più costanza, cosicchè i normali fattori di rischio per stroke ischemico come ipertensione, diabete, ipercolesterolemia o fumo sono in ogni caso tenuti maggiormente sotto controllo ed eventualmente trattati.
Ma per questi pazienti oggi arrriva finalmente una buona notizia: un problema in meno per chi ha già nell’emicrania una brutta compagna di viaggio

Lifestyle News Salute

Oltre 20 milioni di bambini nei paesi ricchi hanno livelli elevati di piombo nel sangue

Secondo l’ultima Report Card pubblicata ieri dal Centro di Ricerca UNICEF Innocenti, la maggior parte dei Paesi ricchi sta creando condizioni malsane, pericolose e nocive per i bambini di tutto il mondo. La Innocenti Report Card 17: “Luoghi e Spazi – Ambiente e benessere dei bambini” mette a confronto i risultati ottenuti da 39 Paesi […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Dopo la pandemia, prioritario riportare gli anziani a una vita sociale attiva

Dopo due anni di chiusure, gli ultimi mesi hanno visto una completa riapertura delle attività lavorative, scolastiche, sociali. Un processo che ha permesso alla popolazione di riprendere le normali attività, ma che spesso ha tenuto ai margini la popolazione anziana, caratterizzata da meno stimoli in tal senso e maggiormente preoccupata dai possibili effetti di un […]

Leggi tutto
Lifestyle News

I cittadini europei si rimettono in movimento

I cittadini europei si rimettono in movimento con l’XI edizione di Move Week, settimana per promuovere l’attività fisica e lo sport attraverso centinaia di eventi nei 38 Paesi coinvolti, dal 22 al 29 maggio. La settimana europea è promossa da Isca-International Sport and Culture Association, di cui Uisp è membro e capofila in Italia, con […]

Leggi tutto