Paralisi da zecca, il caso Kaylin insegna

Attenzione alle zecche. In questi giorni, sta rimbalzando sui media  su Facebook, il caso di una bambina, del Mississippi (Stati Uniti), che lo scorso mercoledì mattina, dopo che si era svegliata per prepararsi e andare all’asilo nido è caduta non appena i suoi piedi avevano toccato il pavimento

La piccola cercava di stare in piedi e di camminare, ma continuava a cadere, come se le sue gambe fossero addormentate.

La madre, Jessica Griffin, ha scritto su Facebook, di aver notato la zecca quando è andata a pettinare i capelli della figlia e ha trovato un marchio rosso sul suo cuoio capelluto.

La bambina, che si chiama Kaylin, a malapena riusciva a parlare. Ora sta bene, dopo essere stata curata nel Centro medico dell’Università del Mississippi.

La paralisi era stata causata da una neurotossina prodotta nella ghiandola salivaria del parassita.

A volte, una puntura di zecca neanche si nota e i sintomi della paralisi possono impiegare anche sette giorni prima di svilupparsi.

 

News Notizie

Natale, Mission Bambini: al fianco dei bimbi fragili delle periferie

Per i bambini che vivono nei contesti disagiati delle periferie delle principali città italiane, il Natale non è sempre un momento di spensieratezza, ma con i regali solidali di Mission Bambini si può donare a questi bambini la possibilità concreta di sperare in un futuro migliore. Le donazioni raccolte con i regali solidali serviranno infatti […]

Leggi tutto
Cultura e Società Lifestyle News Salute Scuola Tecnologia

Aria Pulita in Classe: quali soluzioni?

La scarsa qualità dell’aria nelle aule scolastiche influisce sul benessere di alunni e docenti, incide sul grado di apprendimento e può compromettere la salute. Il ricambio dell’aria può essere lasciato all’intuizione? Come misurare la salubrità dell’aria? Quali soluzioni per migliorala? Sono alcune delle domande che troveranno risposta il 2 dicembre (ore 16.00-17:15) nel webinar “Aria […]

Leggi tutto
Lifestyle News

“Desideri” i nuovi biscotti ispirati all’ultimo re dei longobardi

Si chiamano “Desideri” e sono i nuovi biscotti bresciani ispirati all’ultimo re dei longobardi, Desiderio. Un omaggio a questa civiltà proposto per celebrare il Decennale del riconoscimento Unesco del sito seriale “Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”, dall’Associazione Colli dei Longobardi Strada del Vino e dei Sapori. Subito accolta favorevolmente dall’Associazione Italia […]

Leggi tutto