La cefalea giovanile è triplicata

Triplicata la frequenza di cefalea giovanile passata negli ultimi vent’anni da una media del 40% al 133,2%.
Lo studio HOW TO TREAT CHILDREN WITH HEADACHE (Come trattare i giovani con cefalea) presentato al 9° Congresso Anircef da Roberto San Germani del San Carlo di Milano indica che tale incremento è riconducibile sia allo stile di vita stressante dei ragazzi, che spesso abusano della rete e dei social con conseguente perdita di ore di sonno fondamentale per tener lontano il mal di testa, sia per il migliorare della diagnosi che consente di individuare casi che prima sfuggivano e che ora vanno a ingrossare le statistiche.
Fondamentale è comunque un’adeguata diagnosi precoce per arrivare rapidamente dal sintomo all’ipotesi diagnostica onde scongiurare il pericolo di una cronicizzazione.
In futuro vanno evitati casi eclatanti come quello di un noto studio del 2009 sulla rara cefalea a grappolo infantile dove i sintomi, esorditi a 8,5 anni vennero riconosciuti solo 2 anni e mezzo dopo, lasciando nel frattempo i ragazzi senza trattamento.
“Tutte le cefalee primarie, pur essendo il disturbo neurologico più frequente prima dei 7 anni con una frequenza del 40% circa –dice il neuropsichiatra infantile Vincenzo Guidetti dell’Università di Roma-  non sono sempre facilmente diagnosticabili prima dei 10 anni d’età perchè nel bambino, molto più che nell’adulto, concorrono molteplici fattori, spesso psicologici, il cui ruolo individuale é spesso di difficile quantificazione”.

 

 

Lifestyle News Salute

Disturbi del sonno: 1 italiano su 4 dorme male

In Italia ben 12 milioni di persone soffrono di disturbi del sonno: difficoltà di addormentamento, frequenti risvegli durante la notte, risvegli precoci la mattina e difficoltà di riprendere sonno. Secondo i recenti dati dell’Associazione Italiana per la Medicina del Sonno (AIMS), nel nostro Paese circa 1 adulto su 4 soffre di insonnia cronica o transitoria. […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Astenia primaverile, come gestirla ai tempi del coronavirus

Siamo in piena primavera, in questo periodo dell’anno normalmente avvertiamo un senso di stanchezza, mancanza di energia o apatia, si tratta della temuta “astenia primaverile”, che quest’anno potrebbe essere più dura da affrontare a causa della pandemia. È stato un anno difficile per tutti, la maggior parte di noi nota un senso di spossatezza che […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Dalla vitamina B l’energia extra per sostenere il nostro organismo

Dopo lo stallo degli ultimi mesi il nostro organismo chiede sostegno. Inattività prolungata, isolamento e situazioni di stress, uniti al cambio di stagione, sono tutti fattori che concorrono a farci sentire stanchi e affaticati e, per superare al meglio questo momento, possono darci una mano gli integratori alimentari, in particolare quelli a base di vitamina […]

Leggi tutto
News IN DIES