Non scombussolare l’orologio biologico può evitare depressione e problemi di umore

Il mancato rispetto del ritmo naturale del proprio orologio interno può aumentare il rischio di sviluppare problemi di umore, che possono procurare anche la depressione grave e il disturbo bipolare.

Un grande studio sul tema ha coinvolto 91.105 persone ed ha collegato l’interferenza con il “ritmo circadiano” del corpo ad un declino delle funzioni cognitive, come la memoria e la capacità di attenzione.

L’orologio interno del cervello regola il ciclo giorno-notte, influenzando i modelli di sonno, il rilascio degli ormoni e perfino la temperatura corporea.

Una ricerca precedente aveva suggerito che l’interrompere i ritmi naturali del corpo potesse influire negativamente sulla salute mentale, ma lo studio era piccolo.

Per il nuovo studio, un team internazionale guidato dall’Università di Glasgow , ha coinvolto più di 90mila  persone di età compresa tra 37 e 73 anni.

E’ emerso che gli individui che interrompevano il ritmo naturale del loro corpo, ad esempio a causa dei turni di notte, fatti per lavoro, o del jet lag ripetuto, tendevano ad avere un rischio più elevato di sviluppare disturbi dell’umore, sentimenti di infelicità e problemi cognitivi.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto