La dieta mediterranea contrasta il fegato grasso

Le persone che curano la loro dieta hanno meno grasso nei loro fegati e un minor rischio di sviluppare malattie epatiche, rispetto alle persone che hanno abitudini alimentari malsane. Lo ha trovato uno studio statunitense pubblicato su Gastroenterology.

I ricercatori per il nuovo lavoro si sono concentrati sulla malattia epatica non alcolica (NAFDL) detta anche fegato grasso, che di solito è associata con l’obesità e con alcune abitudini alimentari.

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati di  1.521 persone.

Dal lavoro, è emerso che le persone che avevano condotto una sana dieta mediterranea, ricca di cereali integrali, pesce, proteine magre, verdure e olio d’oliva, avevano avuto almeno il 26 per cento meno probabilità di sviluppare il fegato grasso, degli altri.

Anche le persone con un alto rischio genetico per il fegato grasso non avevano avuto un ulteriore  accumulo di grasso, quando la gente aveva mantenuto una dieta sana, come ha riferito l’autore capo dello studio Daniel Levy, ricercatore in Bethesda, Maryland.

I partecipanti che avevano migliorato la qualità della dieta avevano consumato più frutta, verdura e cereali integrali, avevano anche limitato l’assunzione di carne rossa e consumato alimenti come le noci, che possono  contribuire a ridurre l’accumulo di grasso epatico.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto