Pneumatici e batterie contraffatti: persi nell’UE 2,4 miliardi di EUR l’anno

In base a un nuovo studio dell’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO), ogni anno l’UE perde 2,2 miliardi di EUR — pari al 7,5 % di tutte le vendite nel settore degli pneumatici — a causa della contraffazione.

Inoltre, la presenza di batterie contraffatte nel mercato dell’UE costa all’industria legittima 180 milioni di EUR l’anno, pari all’1,8 % delle vendite del settore. Le batterie contraffatte incidono negativamente per lo più sul settore automobilistico, ma sono presenti anche in quello dei telefoni cellulari.

Tali mancate vendite si traducono nella perdita diretta di circa 8 400 posti di lavoro in questi due settori, poiché i legittimi produttori assumono meno personale di quanto avrebbero fatto in assenza di contraffazione.

La perdita totale per le entrate pubbliche a causa della contraffazione di pneumatici e batterie in termini di imposte non riscosse ammonta a 340 milioni di EUR.

Il Direttore esecutivo dell’EUIPO, António Campinos, ha dichiarato:

Auspichiamo che le conclusioni dello studio, che analizza due importanti settori economici dell’UE, aiutino i responsabili politici a trovare delle soluzioni efficaci per combattere la contraffazione. Inoltre, dal momento che pneumatici e batterie contraffatti possono avere pesanti conseguenze sulla sicurezza e sull’ambiente, speriamo anche che lo studio aiuti i consumatori a operare scelte responsabili nell’acquisto di questi articoli fondamentali.

Lo studio di oggi è il dodicesimo di una serie pubblicata dall’EUIPO tramite l’Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale, in merito all’impatto economico della contraffazione sui settori industriali dell’UE.

Gli studi precedenti di tale serie hanno analizzato i seguenti settori: cosmetici e prodotti per la cura della personaabbigliamento, calzature e accessoriarticoli sportivigiochi e giocattoligioielli e orologiborse e valigieindustria discograficaalcolici e viniprodotti farmaceuticipesticidi e smartphone.

 

Germania

In Germania, le mancate vendite di pneumatici a causa della contraffazione sono state stimate pari a 261 milioni di EUR, con un ammanco in termini di entrate del 4,2 % per l’industria legittima. La stima delle mancate vendite di batterie a causa della contraffazione è risultata pari a 31 milioni di EUR, con entrate perse per l’1,1 % per l’industria legittima.

 

Francia

In Francia, le mancate vendite di pneumatici a causa della contraffazione sono state stimate pari a 411 milioni di EUR, con un ammanco in termini di entrate del 7,6 % per l’industria legittima. Per quanto riguarda le batterie, si è stimato che le mancate vendite a causa della contraffazione siano state pari a 27 milioni di EUR, con una perdita di entrate del 2 % per l’industria legittima.

 

Regno Unito

Nel Regno Unito, le mancate vendite di pneumatici a causa della contraffazione sono state stimate pari a 201 milioni di EUR (146 milioni di GBP), con un ammanco in termini di entrate del 5,5 % per l’industria legittima. Le mancate vendite di batterie a causa della contraffazione sono state stimate pari a 13 milioni di EUR (9 milioni di GBP), con una perdita di entrate dell’1,4 % per l’industria legittima.

 

Italia

In Italia, le mancate vendite di pneumatici a causa della contraffazione sono state stimate pari a 256 milioni di EUR, con un ammanco in termini di entrate del 5,9 % per l’industria legittima. La stima delle mancate vendite di batterie a causa della contraffazione si è attestata sui 18 milioni di EUR, con entrate perse pari all’1,5 % per l’industria legittima.

 

Spagna

In Spagna, le mancate vendite di pneumatici a causa della contraffazione sono state stimate pari a 445 milioni di EUR, con entrate mancate pari al 17,6 % per l’industria legittima. Le mancate vendite di batterie a causa della contraffazione sono state valutate nell’ordine di 32 milioni di EUR, con un ammanco in termini di entrate pari al 4,6 % per l’industria legittima.

 

Polonia

In Polonia, le mancate vendite di pneumatici a causa della contraffazione sono state stimate pari a 74 milioni di EUR (310 milioni di zloty), con entrate perse pari al 6,6 % per l’industria legittima. La stima delle mancate vendite di batterie a causa della contraffazione si è attestata sui 6 milioni di EUR (25 milioni di zloty), con un ammanco in termini di entrate pari all’1,7 % per l’industria legittima.

 

La produzione di pneumatici, oggetto della presente analisi, comprende pneumatici per veicoli (automobili, motociclette ecc.), apparecchiature, mobili e altri usi, camere d’aria di pneumatici, battistrada, protettori per pneumatici (flaps) ecc. nonché la ricostruzione e la rigenerazione di pneumatici. Le batterie, nella presente analisi, comprendono le pile elettriche nonché le batterie piombo-acido, NiCd, NiMH, al litio, a celle a secco e a celle umide.

 

Cultura e Società News Notizie

Più soldi alla zootecnia intensiva, non conta il vero benessere animale

Le 14 Associazioni aderenti alla “Coalizione contro le #BugieInEtichetta”* denunciano il blitz estivo con cui i Ministeri delle Politiche Agricole e della Salute porteranno martedì e mercoledì in Conferenza Stato-Regioni il criticatissimo decreto sulla certificazione nazionale volontaria sul benessere animale che tradisce qualunque ispirazione di trasparenza e verità nei confronti dei consumatori e che promuove […]

Leggi tutto
News Notizie Tecnologia

L’Italia è guardata con interesse dagli imprenditori esteri

Secondo i dati dell’ISTAT, nel primo trimestre 2022 è stato registrato un calo delle nuove attività registrate (-8,6%). Ma se gli imprenditori italiani sembrano essere scoraggiati dal contesto economico, tra inflazione, aumenti energetici e problemi nel reperimento di alcune materie prime, c’è chi dall’estero guarda con interesse il nostro paese. Secondo i dati di Semrush, […]

Leggi tutto
News Notizie

Superbonus edilizio 110%: 33mila imprese edili a rischio fallimento

I bonus stanziati dal Governo hanno generato 33mila imprese edili a rischio fallimento. Alberti: «La verità è una sola, i bonus in edilizia “sono finiti”, salviamo il salvabile e torniamo alla normalità pre-incentivi, puntando sulle nostre aziende» Stop al Superbonus edilizio 110%. Il Governo valuta di estendere la cessione del credito ma dice no alla […]

Leggi tutto