Gli italiani e il gioco: il 54% vorrebbe la rendita mensile a vita

Una ricerca dell’Istituto Ixè su 1.000 individui maggiorenni

Gli italiani e il gioco

il 54% non vuole la grande vincita, ma la rendita mensile a vita: vince l’idea del posto fisso

 

La mentalità prudente, quella del posto di lavoro fisso o degli investimenti a capitale garantito, si manifesta anche nel gioco:

l’azzardo viene fatto sfociare in uno scenario di futuro tranquillo

Secondo una ricerca su 1.000 italiani, condotta dall’Istituto Ixè, la maggioranza (55%) considera la slot machine il gioco che più degli altri genera dipendenza. Segue il videopoker (40%), quindi il casinò (35%). Meno ‘pericolosi’ sono considerati le scommesse sportive (22%), il gratta e vinci (20%) e ancor meno le sale bingo (13%). Chiudono la classifica il lotto e il superenalotto (entrambi al 7%) che sembrano avere un’immagine per niente a rischio ludopatia.

Il 9% della popolazione ritiene che nessun gioco, di per sé, provochi dipendenza.

Il giocatore che genera più indulgenza negli italiani (con il 36%) è quello che scommette pochi euro, tentando la fortuna ogni settimana (al superenalotto e totocalcio), seguito (con un 24%) da chi si affida ai sogni per giocare i numeri suggeriti. Emerge il ritratto stereotipico di una figura del popolo, economicamente sofferente, che tenta la fortuna per svoltare.

Presentando all’opinione pubblica i due poli estremi (il giocatore povero – che sogna la fortuna che gli cambia la vita – e il ricco – che anche se perde non succede niente di grave), la simpatia e comprensione si polarizzano, spaccando il campione in due parti perfettamente uguali: 38% è più indulgente con il ricco, perché alla fin fine non rischia davvero; l’altro 38% è più indulgente con il povero, perché è comprensibile il suo desiderio di cambiare vita

News Notizie

Poco coinvolgimento e scarsa trasparenza sul Piano Nazionale Ripresa e Resilienza

“Se lo scopo del PNRR è la ripresa e la resilienza del nostro Paese, queste sono irraggiungibili senza il coinvolgimento dei cittadini nelle scelte e nelle proposte che esso contiene, come nel monitoraggio dei progetti che lo tradurranno in interventi concreti. Per questo ci risulta inaccettabile come un piano pluriennale di questa portata, che avrà […]

Leggi tutto
News Notizie

India: l’allarme di Azione contro la Fame

“L’india è alle prese con una ondata di infezioni da Covid-19 senza precedenti, ma oltre a mitigare l’impatto della pandemia, siamo impegnati al massimo anche per contrastare l’impatto sull’accesso al cibo e gli effetti psicologici di questa situazione, soprattutto per le donne incinte, le neomamme e bambini sotto i cinque anni di età”. Lo ha […]

Leggi tutto
cibo
News Notizie

Il sud del Madagascar sull’orlo della carestia. Allarme del WFP

La siccità non dà tregua nel Madagascar del sud, spingendo centinaia di migliaia di persone sull’orlo della carestia. L’allarme dell’agenzia ONU World Food Programme (WFP) indica come, con i tassi di malnutrizione acuta che continuano a crescere, sia necessaria una azione urgente che risponda a questa crisi umanitaria in divenire. Molti distretti nel sud del […]

Leggi tutto
News IN DIES