“Lasciare il segno” percorsi di integrazione attraverso il fumetto

BJCEM-Biennale dei giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo, insieme all’Associazione Africa e Mediterraneo, presentano mercoledì 13 dicembre Lasciare il segno, un progetto che coniuga intercultura e fumetti, realizzato con il contributo del Comune di Milano. L’evento sarà ospitato negli spazi della Fabbrica del Vapore, che nel 2015 sono stati la casa dell’edizione milanese della Biennale dei giovani artisti – Mediterranea 17 Young Artists Biennale – e di altri progetti che hanno coinvolto i giovani artisti del circuito internazionale BJCEM.

L’arte, quella più fresca, innovativa e sperimentale del fumetto, diventa medium ideale per incoraggiare il dialogo interculturale e promuovere una cultura antirazzista fra le giovani generazioni di studenti milanesi, in un percorso coinvolgente che stimola una lettura critica e informata dei fenomeni migratori che sta vivendo l’Italia, promuovendo al contempo una nuova generazione di fumettisti  interessati ad affrontare i temi del contrasto al razzismo e alle discriminazioni.

Alla Fabbrica del Vapore si presenta dunque un percorso complesso, articolato in tre fasi: dapprima un laboratorio, che ha visto protagonisti 24 studenti del Liceo Artistico Caravaggio di Milano, che hanno prodotto alcune tavole originali guidati dal fumettista cuneeseFederico Manzone e dall’operatrice interculturale Flore Thoreau La Salle.

La seconda fase è stata un laboratorio extrascolastico, rivolto a giovani artisti del territorio Milanese under-35, selezionati attraverso un bando. Sono stati scelti, fra le candidature arrivate: Lamine Diop, Claudia Elisabetta Ferrari, SirSkape, Giulia Ratti, Marta Mariano, Alberto Wolfango Amedeo D’Asaro, Marta Lucia Sosio ed Eugenia Erba.

Saranno proprio i risultati di questo processo ad essere presentati alla Fabbrica Del Vapore di Milano, mercoledì 13 dicembre, presso la Sala delle Colonne, dalle ore 17. In una giornata a ingresso libero, sarà possibile incontrare i giovani artisti selezionati e gli studenti coinvolti e apprezzare le opere realizzate, presentate in una piccola mostra. Ad arricchire la giornata, un dibattito che affronterà il tema del “fumetto come strumento per raccontare la migrazione e il contemporaneo” e, più in generale, il tema della comunicazione del presente tramite il fumetto. Al dibattito partecipano due interessanti fumettisti italiani, Federico Manzone e Gianluca Costantini, capaci nelle loro opere di coniugare graphic journalism e attivismo sociale.

Il progetto “Lasciare il segno”, è realizzato con il contributo del Comune di Milano.

Mercoledì 13 dicembre, dalle ore 17
FABBRICA DEL VAPORE – Sala delle Colonne
Via Procaccini 4 – Milano
ingresso libero 

Cultura e Società News Scuola Tecnologia

Si chiude il web tour del progetto “Comunità in rete contro i cyber risk”

Si chiude il web tour del progetto “Comunità in rete contro i cyber risk”, promosso dal MOIGE – Movimento Italiano Genitori con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Dalla ricerca condotta dall’Istituto Piepoli, per conto del Moige, emergono dati preoccupanti sul fenomeno: da quando è scoppiata l’emergenza pandemica (escluso l’impegno per […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Papà single: come se la cavano sul tema mestruazioni?

Una volta si chiamavano “ragazzi-padri”, ora ci siamo abitati al temine “papà single”. Ma la sostanza non cambia: tanti gli onori e gli oneri che li aspettano nella gestione di un figlio, con un’area critica in più se è di sesso femminile e in età adolescenziale. INTIMINA, brand del benessere intimo femminile, attraverso un’indagine (1), […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Liguria, progetto “DECK” per un percorso di cura e riabilitazione giovani

51 giovani difficili, da Ventimiglia a Sarzana, che manifestano comportamenti antisociali o sono autori di reato, hanno iniziato negli scorsi mesi un percorso di riabilitazione con modalità innovative e fortemente inclusive, nei prossimi due anni saranno 500. Si tratta di giovani dai 14 ai 21 anni con problematiche di violenza, bullismo e microcriminalità. Con il […]

Leggi tutto