Addio al Principe Azzurro: ritorna in auge il matrimonio d’interesse

Fino a 50 anni fa le donne non si sposavano con l’uomo ritenuto essere il più bello e neanche con quello di cui erano più innamorate: preferivano il pretendente che sembrava potesse farle vivere meglio.

«Oggi questa tendenza è di nuovo in auge. É la rivincita del buon partito» assicurano i responsabili del portale Aristofonte.com (www.aristofonte.com), sito di incontri online dedicato agli uomini che cercano relazioni con donne più giovani ed alle donne che cercano relazioni con uomini già affermati, con una solida posizione economica.

Per un paio di generazioni le cose erano andate diversamente, facendo scendere in secondo piano le questioni economiche nelle scelte delle donne. «Ma ora la tendenza è nuovamente cambiata, rivalutando il vecchio principio del matrimonio come ricerca di un buon riparo per il futuro» spiegano i responsabili del portale Aristofonte.com.

In passato milioni di matrimoni di questa natura hanno resistito nel tempo, dimostrandosi di una solidità ferrea, al contrario dei matrimoni dettati dall’effimera passione del momento.

Il portale Aristofonte.com sta osservando ormai da anni l’affermarsi di questa tendenza e conferma il riemergere di un tipo di visione pre-romantica del matrimonio: una visione in cui il matrimonio viene da «mater» e il patrimonio viene da «pater».

«Una svolta positiva perché finalmente si rinuncia al mito dell’individualismo che porta alla competizione tra i coniugi» sottolineano i responsabili del portale Aristofonte.com.

Oggi dunque, come si faceva una volta, si pensa al partner con emozione ma anche con un minimo di calcolo, aspetto in grado di garantire alle coppie una maggiore solidità.

E sì, perché spesso la passione non va d’accordo con la quotidianità del matrimonio. E se in un rapporto vi è soltanto l’amore i padri finiscono a dormire altrove e le madri non riescono a mantenere i figli.

Secondo Aristofonte.com gli aspetti economici non sono mai stati secondari nella ricerca di un partner. Un buon lavoro, una casa ed una situazione che permetta di fare progetti sono requisiti tanto importanti quanto può esserlo l’aspetto fisico del potenziale marito.

La novità è che se prima erano soprattutto gli uomini a cercare questo tipo di relazione, oggi sono proprio le giovanissime a volere uomini più grandi di loro.

Così Aristofonte.com sta raccogliendo numerose adesioni sia tra il pubblico maschile che tra quello femminile. Sono molte infatti le ragazze che si sono registrate, soprattutto nella fascia di età compresa tra i 21 e i 28 anni (72% per cento delle iscritte). E molte sono anche quelle nella fascia tra i 18 e i 20 anni.

«Un uomo già affermato si prende cura di te. Insieme a lui si possono fare tanti viaggi e, se ci si dovesse anche sposare, può assicurare un buon stile di vita» commenta una giovane studentessa iscritta al portale Aristofonte.com.

Cultura e Società News

Covid, in Italia 96 mila mamme hanno perso il lavoro

Le mamme con figli minorenni in Italia sono poco più di 6 milioni e nell’anno della pandemia molte di loro sono state significativamente penalizzate nel mercato del lavoro, a causa del carico di lavoro domestico e di cura che hanno dovuto sostenere durante i periodi di chiusura dei servizi per l’infanzia e delle scuole. Su […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Mediterraneo: Italia ininfluente senza l’Europa

Vita, energia, sviluppo, ma anche migrazioni, morte e terrorismo. Il mar Mediterraneo è la vera scommessa di oggi per il futuro dell’Italia ma soprattutto dell’Europa tutta. «Sul Mediterraneo l’Europa non si gioca solamente la propria credibilità, ma anche la propria sopravvivenza». Pier Ferdinando Casini, senatore, membro della commissione Affari esteri ed Emigrazione e della commissione […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Rosario Livatino: domenica la beatificazione del giudice martire

É di Papa Francesco che domenica 9 maggio lo eleverà all’onore degli altari, la prefazione al libro Rosario Angelo Livatino. Dal “martirio a secco” al martirio di sangue curato dall’arcivescovo di Catanzaro-Squillace Vincenzo Bertolone, postulatore della causa di beatificazione del “giudice ragazzino” (e di don Pino Puglisi). Edito da Morcelliana (pagg.192, euro 17), il volume […]

Leggi tutto
News IN DIES