Mai guardare il porno con lo smartphone

Con lo smartphone, è ora più facile e più veloce guardare dei video pornografici, ma secondo l’azienda di protezione dei dati mobili Wandera, il fatto di guardare la pornografia sullo smartphone, piuttosto che sul computer, espone facilmente le proprie abitudini.

“I sistemi operativi degli smartphone, in particolare Android, non sono sicuri come i computer”, contengono molte vulnerabilità che possono essere facilmente sfruttate dagli hacker.

Questi dispositivi non sono protetti come i computer contro l’installazione automatica di software dannosi. Di solito raccolgono tutte le informazioni personali  degli utenti, comprese le loro abitudini in relazione alla pornografia.

Wandera, che ha condotto uno studio su quasi 10.000 smartphone, nel Regno Unito e negli Stati Uniti, ha così scoperto che 40 su 50 smartphone che utilizzavano siti pornografici erano suscettibili di essere piratati.

Se si vuole evitare che siano hackerati i dati relativi alla visione della pornografia e delle proprie preferenze, è meglio lasciare lo smartphone da parte, quando si vuole guardare delle cose porno.

News Tecnologia

Solo lo 0,33% dei comuni utilizza gli assistenti virtuali nei propri siti informativi

Promuovere lo sviluppo delle realtà del territorio attraverso un’analisi dei comuni italiani con l’obiettivo di incoraggiare l’utilizzo dell’intelligenza artificiale all’interno delle istituzioni pubbliche: queste sono le parole che maggiormente mettono in risalto il 1° Osservatorio dedicato all’applicazione dell’intelligenza artificiale nel mondo delle Pubbliche Amministrazioni. Il documento in questione, che sarà aggiornato annualmente, è frutto della […]

Leggi tutto
News Tecnologia

Vivere in modo sostenibile, ecco i 5 consigli pratici per aiutare l’ambiente

Che la sostenibilità sia diventata uno dei temi dominanti dell’agenda politica e mediatica internazionale non è un mistero e la prosecuzione a pieno ritmo dei lavori sul Fit for 55% è l’esempio perfetto di come l’Europa intera stia cercando di adeguarsi agli obiettivi imposti dal cambiamento climatico. Se, da una parte, le istituzioni si danno […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Tecnologia

40 incontri per parlare di cybersecurity, big data, AI e diritti di cittadinanza digitale

L’Europa sta per dotarsi di nuove leggi per la cittadinanza digitale, come le norme sull’intelligenza artificiale, quelle sulla responsabilità delle piattaforme digitali, e quelle sulla moderazione dei contenuti online. Nel frattempo la digitalizzazione dei servizi, del lavoro e dei consumi, la nascita delle criptovalute, degli NFT, e del Metaverso ci vogliono sempre più online. Per […]

Leggi tutto