Camminata lenta: può dipendere da una malattia di cuore

Secondo un nuovo studio, gli adulti sani che sono escursionisti lenti hanno due volte più probabilità di morire di malattie cardiache rispetto a quelli che camminano a un passo più veloce.

I ricercatori dell’Università di Leicester hanno seguito 420.727 persone per un periodo di sei anni per valutare i tassi di mortalità.

E’ emerso che quelli che erano escursionisti lenti avevano avuto tra 1,8 e 2,4 volte più probabilità di morire di malattie cardiache, nel corso del tempo. La conclusione è risultata valida sia per gli uomini che per le donne.

I ricercatori hanno preso in considerazione fattori di rischio quali il fumo, l’indice di massa corporea e la dieta.

“Camminare è un predittore indipendente di morte per cause legate al cuore”, ha dichiarato l’autore principale dello studio, professor Tom Yates.

La malattia cardiaca è spesso un risultato di alta pressione sanguigna, obesità e colesterolo alto.

 

Lifestyle News Salute

Andropausa, scoperta una nuova molecola anti-invecchiamento

Ad Abano Terme presentato un peptide inedito (un piccolo frammento di osteocalcina) che interesserà gli ultrasessantenni: un esercito di quattro milioni di maschi italiani è infatti colpito da bassa produzione di testosterone associata ad un quadro clinico caratterizzato da osteoporosi, sindrome metabolica e disturbi della sessualità. Il professor Carlo Foresta: “Gli autori della ricerca sostengono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Il virus Sars-Covid viaggia nei nervi con dolori muscolari

Nella classifica delle ripercussioni post Covid, la voce dolore ricopre uno spazio importante: basti pensare che circa la metà dei pazienti che ha avuto l’infezione ha dovuto lottare contro i dolori muscolari, seguiti da cefalee acuto (6-21%), dolori toracico (2-21%), oculare (16%), mal di gola (5-17%) e addominale (12%). E ultimamente anche quelli che coinvolgono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

La terza dose di vaccino porrà un probabile freno al Covid

TERZA DOSE DI VACCINO: L’IMPORTANZA E LA NORMALITA’ – I vaccini ci hanno permesso di superare una situazione di estrema gravità quale quella in cui ci aveva spinto la pandemia di Covid-19 nel 2020. Avendoli però sviluppati in poco tempo, la loro somministrazione è stata programmata in due dosi a intervalli di tempo ravvicinati. L’introduzione […]

Leggi tutto