Le malattie respiratorie hanno fatto 3,6 milioni di morti

L’asma e la bronchite cronica hanno causato 3,6 milioni di morti in tutto il mondo nel 2015, secondo uno studio pubblicato su The Lancet Respiratory Medicine. In molti casi, queste malattie possono essere trattate o prevenute, ma spesso non sono diagnosticate o trattate.

L’asma e la broncopneumopatia cronica ostruttiva – le due malattie respiratorie croniche più comuni – hanno fatto 3,6 milioni di morti in tutto il mondo nel 2015.

Circa 3,2 milioni di persone sono morte per le malattie polmonari ostruttive croniche ( tra cui la bronchite cronica e l’enfisema grave), dovute principalmente al fumo e all’inquinamento atmosferico, mentre 400.000 persone sono morte di asma.

L’asma è due volte più comune, ma la BPCO è otto volte più fatale, secondo lo studio.

In molti casi, entrambe le malattie possono essere trattate o prevenute.

La BPCO è stata la quarta causa di morte in tutto il mondo nel 2015 , secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, dopo le malattie cardiache (nove milioni), l’ictus (sei milioni) e le infezioni del tratto respiratorio inferiore (poco più di 3,2 milioni).

Lo studio condotto nell’Università di Washington, ha analizzato i dati provenienti da 188 paesi per stimare il numero di casi e dei decessi dal 1990 al 2015.

Durante questo periodo, il numero totale di decessi dovuti alla BPCO è aumentato di circa il 12%, a causa della crescita e dell’invecchiamento della popolazione.

I morti per asma sono diminuiti di più di un quarto, ma la frequenza di questa malattia è aumentata di quasi il 13% durante lo stesso periodo e ha raggiunto 358 milioni di persone.

I paesi con la più alta concentrazione di persone affette da BPCO nel 2015 sono state Papua Nuova Guinea, India, Lesotho e il Nepal, secondo lo studio.

Per l’asma, i paesi più colpiti sono stati Afghanistan, Repubblica Centrafricana, Fiji, Kiribati, Lesotho, Papua Nuova Guinea e Swaziland.

I paesi asiatici ad alto reddito sono stati i meno colpiti dalla BPCO, così come quelli dell’Europa Centrale, del Nord Africa, del Medio Oriente, dell’Europa occidentale e dell’America Latina andina. I tassi più bassi di asma sono stati osservati nei Paesi dell’Europa centrale e orientale, così come in Cina, Giappone e Italia.

Sappiamo ancora molto poco sulle cause dell’asma e sul perché i tassi aumentino in tutto il mondo.

Il fumo aggrava l’asma, così come gli allergeni. La cottura a legna o carbone, a causa dell’inquinamento dell’aria interna, è, invece, uno dei principali fattori di rischio per la BPCO.

 

 

Lifestyle News Salute

Covid e HIV, gli anticorpi monoclonali potranno eradicare il virus

ICAR fa 13! Si sta concludendo la 13a edizione del Congresso ICAR – Italian Conference on AIDS and Antiviral Research, punto di riferimento per la comunità scientifica in tema di HIV-AIDS, Epatiti, Infezioni Sessualmente Trasmissibili e virali. ICAR è organizzato sotto l’egida della SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, di tutte le maggiori […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Giornata nazionale dell’andrologia: il 50% dei giovani ha rapporti sessuali non protetti

Da un’indagine condotta su 10.000 adolescenti nell’ultimo anno è emerso che il 30% ha riportato un consumo eccessivo di fumo o alcool e circa il 50% l’uso di sostanze illecite o rapporti sessuali non protetti   Il 21 ottobre 2021 è stata la prima giornata nazionale dell’andrologia promossa dalla società italiana di andrologia e medicina […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Occorre impegnarsi di nuovo contro l’HIV dopo l’emergenza Covid-19

Dal 21 al 23 ottobre al Palazzo dei Congressi di Riccione la 13a edizione di ICAR – Italian Conference on AIDS and Antiviral Research: oltre ad approfondite sessioni scientifiche, vi saranno premi a giovani eccellenze della ricerca italiana, il concorso artistico per le scuole RaccontART, test rapidi per HIV e HCV in Piazza Occorre impegnarsi […]

Leggi tutto