Cresce ancora il crowdfunding in Italia

Giovani imprenditori, startup, inventori e sognatori. In Italia sono migliaia le idee che aspettano di essere concretizzate con un’iniezione di fiducia e di fondi.
In un’epoca in cui il finanziamento pubblico è ai minimi storici, il web e il crowdfunding giungono quindi in aiuto di tutti quei progetti che hanno bisogno di risorse per poter crescere, svilupparsi e migliorare.

In Italia si contano attualmente 82 piattaforme di crowdfunding distribuite su tutto il territorio nazionale, e la pratica del finanziamento attraverso il web ha portato nel 2016 a un aumento del 62% dei fondi raccolti da tutte le campagne presentate rispetto all’anno precedente*.
Prevalgono le campagne di piccolo taglio, tra i 1.000 e i 10.000 euro (81% delle campagne pubblicate e 91% delle finanziate) e i progetti finanziati sono stati, dall’apertura delle piattaforme fino a dicembre 2016, 8.338 per un totale di 24.754.678,91 euro raccolti*.

In questo panorama si inserisce il caso di Ulule che si conferma anche in Italia la piattaforma con la più alta percentuale di successo al mondo.
Arrivata nel nostro Paese a marzo 2017, in soli tre mesi ha raccolto oltre 200.000 euro tra le più di 50 campagne finanziate, ma soprattutto finalizzando il 74% dei progetti presentati, facendo registrare un risultato ben al di sopra della media europea della piattaforma stessa.

Ulule.com, infatti, lavora su base europea e ha una media del 68% di progetti che raggiungono il goal. Ha raccolto nel 2016 ben 25.370.871 euro e ha iniziato il 2017 con risultati davvero incoraggianti: nel primo semestre dell’anno sono stati 341.105 i donatori che hanno contribuito a raccogliere ben 15.081.780 euro per le campagne finanziate con successo.
Dalla sua nascita, Ulule.com ha pubblicato 28.607 progetti con una raccolta fondi complessiva di più di 84 milioni di €.

“Siamo convinti che il crowdfunding rappresenti un’opportunità eccezionale per tutta l’Italia”, ha dichiarato Fabio Simonelli, General Manager di Ulule Italia. “In un momento storico di sofferenza economica per aziende, fondazioni e amministrazioni, questo tipo di raccolta fondi consente di realizzare progetti altrimenti impensabili, dando forma alle tante idee ed iniziative di cui è così ricco il nostro Paese. In più, il crowdfunding è una grande occasione anche per le amministrazioni locali contribuendo ad aumentare il senso di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini-utenti, come avvenuto per la raccolta fondi per i tradizionali “Fochi” a Firenze, che ha superato del 448% la cifra richiesta”.

 

* dati calcolati da Starsteed e Università Cattolica del Sacro Cuore

News Notizie

Invasione dell’Ucraina e rincaro dei generi alimentari, un impatto destinato a durare

A cura di Felix Odey, Portfolio Manager, Global Resource Equities, Schroders Le oscillazioni dei prezzi di alcune materie prime agricole sono state drammatiche da quando la Russia ha invaso l’Ucraina alla fine di febbraio: i prezzi, in particolare del grano, hanno fatto un balzo in avanti e riteniamo che possano rimanere su livelli così alti […]

Leggi tutto
News Notizie

“Guerra economica”: fine della globalizzazione e del regno del dollaro?

A cura di Jeffrey Cleveland, Chief Economist di Payden & Rygel L’invasione russa dell’Ucraina ha scatenato una risposta unitaria da parte dell’Occidente, apparentemente senza precedenti, consistente in una raffica di sanzioni economiche contro Mosca. I commentatori hanno prontamente dichiarato la fine della globalizzazione e del regno del dollaro statunitense come valuta di riserva. La Storia […]

Leggi tutto
News Notizie

La transizione energetica ha in sé i concetti di crescita e trasformazione

A cura di Xavier Chollet, Senior Investment Manager e gestore del fondo Pictet-Clean Energy di Pictet Asset Management La transizione energetica ha in sé i concetti di crescita e trasformazione, in un contesto in cui governi, aziende e singoli individui diventano gli artefici del mondo che verrà Quando si parla di transizione energetica va sottolineato […]

Leggi tutto