Un po’ di cioccolato contrasta la fibrillazione atriale

Un nuovo studio, pubblicato sul British Medical Journal, dice che mangiare cioccolato può ridurre rischio di sviluppare la fibrillazione atriale, un tipo pericoloso di aritmia cardiaca.
L’indagine ha raccolto tra gli anni 1993 e 1997, i dati di oltre 55 mila persone (età 50 – 64 anni), in Danimarca.
Le informazioni riguardavano la dieta e lo stile di vita dei partecipanti, così come alcuni dati biologici.
E’ stato inoltre effettuato un questionario sul consumo di cibo, in particolare cioccolato.
I ricercatori hanno scoperto che in tredici anni e mezzo sono stati registrati oltre 3000 casi di fibrillazione atriale.
I risultati hanno mostrato che i partecipanti, che avevano mangiato 2-6 porzioni di cioccolato a settimana, una porzione a settimana o 1-3 porzioni al mese, avevano avuto un minor rischio di sviluppare la fibrillazione atriale rispetto agli individui che avevano consumato meno di un pezzo di cioccolato al mese.
“Il nostro studio dimostra che l’assunzione di cioccolato moderata offre benefici per la salute e diminuisce il rischio di aritmie”, ha detto Elizabeth Mostofsky, autore principale dello studio.
La fibrillazione atriale può portare allo sviluppo di ictus, insufficienza cardiaca, declino cognitivo e demenza.

Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Long Covid: la metà dei pazienti ha sintomi due anni dopo l’infezione

Dopo due anni di pandemia abbiamo imparato a convivere con il Covid-19, ma oggi sappiamo di più sugli effetti a lungo termine. Secondo il più lungo studio di follow-up fino effettuato pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine, la metà dei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale ha ancora almeno un sintomo due anni dopo l’infezione […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Allergie primaverili, quanto incidono sugli occhi?

Con l’’arrivo del caldo e della bella stagione arrivano anche le allergie primaverili; questo periodo dell’anno è infatti quello con la maggior produzione di pollini da parte delle piante, che si concentrano nell’aria e possono far nascere le temute reazioni allergiche. Anche se in generale si parla di allergie primaverili questo termine di solito si […]

Leggi tutto