Pagati per stare a letto

In Francia, l’Istituto di Fisiologia e Medicina spaziale di Tolosa è disposto a pagare dei volontari sborsando circa 17.000 dollari per studiarli, facendoli dormire per 60 giorni di fila.

I ricercatori sperano di studiare gli effetti della microgravità, in uno stato di assenza virtuale, e di valutare gli effetti antiossidanti e antinfiammatori di
un integratore alimentare.

L’Istituto deve reclutare 24 candidati, tutti di sesso maschile che abbiano tra i 20 e i 45 anni, possiedano un indice di massa corporea compreso tra 22 e 27, siano non-fumatori e non abbiano allergie.

Durante le prime due settimane gli scienziati faranno una serie di prove e misurazioni sui volontari. Poi, per un periodo di 60 giorni i volontari dovranno rimanere a letto, con la testa leggermente inclinata verso il basso a meno di sei gradi.  Essi dovranno fare tutto a letto, anche mangiare e lavarsi. Almeno una loro spalla dovrà essere sempre a contatto con il letto. Lo studio richiede, in totale, 88 giorni di degenza.

Lo stato è più duro di quanto si pensi.

Alla fine del lavoro, gli scienziati controlleranno il peso, il sistema cardiovascolare, la perdita di massa muscolare e altre cose sui volontari.

Gli astronauti che hanno trascorso lunghi periodi di tempo nello spazio hanno perso massa muscolare e densità ossea.

Con l’aiuto di questo esperimento, i ricercatori cercheranno di valutare effetti negativi simili, causati dall’assenza di gravità sul corpo umano.

 

Lifestyle News Salute

Covid e HIV, gli anticorpi monoclonali potranno eradicare il virus

ICAR fa 13! Si sta concludendo la 13a edizione del Congresso ICAR – Italian Conference on AIDS and Antiviral Research, punto di riferimento per la comunità scientifica in tema di HIV-AIDS, Epatiti, Infezioni Sessualmente Trasmissibili e virali. ICAR è organizzato sotto l’egida della SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, di tutte le maggiori […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Giornata nazionale dell’andrologia: il 50% dei giovani ha rapporti sessuali non protetti

Da un’indagine condotta su 10.000 adolescenti nell’ultimo anno è emerso che il 30% ha riportato un consumo eccessivo di fumo o alcool e circa il 50% l’uso di sostanze illecite o rapporti sessuali non protetti   Il 21 ottobre 2021 è stata la prima giornata nazionale dell’andrologia promossa dalla società italiana di andrologia e medicina […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Occorre impegnarsi di nuovo contro l’HIV dopo l’emergenza Covid-19

Dal 21 al 23 ottobre al Palazzo dei Congressi di Riccione la 13a edizione di ICAR – Italian Conference on AIDS and Antiviral Research: oltre ad approfondite sessioni scientifiche, vi saranno premi a giovani eccellenze della ricerca italiana, il concorso artistico per le scuole RaccontART, test rapidi per HIV e HCV in Piazza Occorre impegnarsi […]

Leggi tutto