Artrite reumatoide: è bene prenderla in tempo

L’artrite reumatoide è una malattia cronica, che oltre alla infiammazione delle articolazioni, può causare problemi agli organi come occhi, polmoni, cuore o reni.

Fa parte delle patologie autoimmuni. Ha una causa ancora ignota, in cui il principale bersaglio è la membrana sinoviale, il cui buon funzionamento è necessario  per la lubrificazione e il nutrimento della cartilagine articolare.

La malattia provoca dolore, tumefazione e rigidità articolare con limitazione del movimento e della funzione delle articolazioni colpite.

Tra i sintomi più comuni della malattia, ci sono malessere, stanchezza, febbre, limitazioni nel lavoro o nello svolgere le attività quotidiane

L’infiammazione che causa l’artrite reumatoide, se non presa in tempo, continua ad aumentare e danneggia irreversibilmente le articolazioni, provocando deformità e disabilità, oltre a diminuire anche la speranza di vita.

L’infiammazione può svilupparsi e riguardare anche vari organi interni, come i polmoni, i reni, il cuore, il sistema nervoso.

La patologia più frequentemente colpisce le donne e si sviluppa normalmente tra i 30 e i 50 anni. E’ una malattia progressiva, che può iniziare in modo lieve  per poi peggiorare e causare altri danni, oltre a provocare irreparabili deformità alle articolazioni colpite.

L’impatto dell’artrite reumatoide sul benessere emotivo dei pazienti è pure alto, i pazienti spesso sviluppano ansia e depressione.

All’interno delle lesioni che causano artrite reumatoide del sistema neurologico, il più comune è la sindrome del tunnel carpale.

L’artrite reumatoide colpisce l’1% della popolazione mondiale e se non curata correttamente è altamente invalidante.

I trattamenti medici correnti e la diagnosi precoce permettono al paziente di avere una vita praticamente normale dopo la diagnosi.

La terapia si avvale di farmaci antinfiammatori non steroidei, come ibuprofene, naprossene, diclofenac, ketoprofene, celecoxib, etoricoxib…e di altri farmaci, nei casi più resistenti.

Oltre al trattamento con i medicinali prescritti e il controllo medico costante, è necessario che i pazienti riducano lo stress, non fumino, adottino una dieta sana e facciano attività fisica.

Lifestyle News Salute

Vaccino anti Covid-19 nei bambini: attenzione agli allergici

Qualche perplessità nei confronti del vaccino anti Covid-19 viene sollevata dagli allergici: chi soffre delle classiche allergie stagionali corre qualche rischio in più? E chi ha avuto uno shock anafilattico? E gli asmatici? Dubbi che sono sentiti in maniera particolare quando si tratta di vaccinare un bambino. LE RACCOMANDAZIONI SIAIP SOTTO FORMA DI DECALOGO Un […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Giornata Mondiale del Cuore, è importante restare connessi

Festeggia 20 anni la Giornata Mondiale del Cuore, che, come ogni 29 del mese di settembre, lancia un messaggio di sensibilizzazione per la prevenzione delle malattie cardiovascolari che rimangono tuttora la prima causa di morte in Italia e nel mondo. Con questa edizione la Fondazione Italiana per il Cuore vuole sollecitare la popolazione a rimanere […]

Leggi tutto
Casa di riposo - Assistenza infermieristica
Lifestyle News Salute

Family Care / badanti: sì alla terza dose di vaccino anti Covid19

“Torniamo ancora una volta a sollecitare le Istituzioni e la Politica sul delicato tema della protezione dei nostri anziani, con particolare riferimento alle badanti e ai badanti che, in numero sempre maggiore, si prendono oggi cura di loro nel nostro Paese. Non possiamo tralasciare questa categoria di lavoratori, che ha in carico una così larga […]

Leggi tutto