Al Palladium l’anteprima della nuova stagione con FEDRA ‘NCORA

Oltre la voragine, se salto, un sole che colpisce di luce accecante la città immaginaria che c’è. Tra un paio di pagine Fedra rimane sola.(…). Nessuna pietà di scrittura per l’eccesso del ruolo che richiede, insaziato, ogni eccesso, e che ogni eccesso consumerà.
Sylvano Bussotti, I miei Teatri.

Nell’ambito della nuova stagione del Teatro Palladium – Università Roma Tre, verrà presentato venerdì 30 settembre alle ore 21,00 FEDRA ‘NCORA, 2016 una rivisitazione originale del mito di Fedra attraverso la musica, il gesto danzato, la parola. L’impianto registico, basato sulla musica del Maestro Sylvano Bussotti e su parti della sua traduzione italiana da Phèdre di Jean Racine, si sviluppa attorno alla coreografia di Sandra Fuciarelli, anche protagonista dal 1992 al 1994. A più di venti anni dall’ultima esecuzione, l’attuale versione si modella attorno alle caratteristiche interpretative della nuova Fedra, la danzatrice ospite Grazia Galante, già étoile della Compagnia di Maurice Béjart, e degli allievi dei corsi superiori dell’Accademia Nazionale di Danza. L’esecuzione musicale è affidata a Hidehiko Hinohara, pianista e compositore, tra i maggiori conoscitori e interpreti dell’opera bussottiana. In molte sezioni si è mantenuta la voce registrata del Maestro Sylvano Bussotti, che nello spettacolo ricopriva il ruolo di lettore, così da conservare l’unitaria musicalità dello spettacolo.

FEDRA ‘NCORA, 2016 fa parte del Convegno “I Teatri di Sylvano Bussotti: BussottiOperaBallet (29 settembre – 1° ottobre 2016)” a cura di Daniela Tortora
Si ringrazia la prof.ssa Lilli Cascio dell’Accademia Nazionale di Danza per la collaborazione ai costumi e Enrica Dorna per il contributo alla realizzazione dello spettacolo.

Teatro Palladium – Università Roma Tre

FEDRA ‘NCORA, 2016
di Sylvano Bussotti e Sandra Fuciarelli

con Grazia Galante (Fedra)
e Hideiko Hinohara (pianoforte)

e con gli allievi dell’Accademia Nazionale di Danza:
Francesco Cipriani e Francesco Consalvo, Arianna Guido Rizzo e Margherita Costantini, Giacomo Galfo, Silvia Legato e Annarita Fadda, rispettivamente primo e secondo cast nei ruoli di Ippolito, Pasifae/Nutrice, Teseo, Arianna.

Letture di Sylvano Bussotti di testi tratti dalla sua traduzione da Phèdre di Jean Racine (registrazione del 1994)

Musica di Sylvano Bussotti
Coreografia di Sandra Fuciarelli
Assistenti alla coreografia: Silvia Autorino, Sonia Daniele
Luci: Stefano Pirandello
Consulenza artistica: Rocco Quaglia

Venerdì 30 settembre 2016 – ore 21,00

Teatro Palladium – Università Roma Tre
Piazza Bartolomeo Romano 8, Roma

Intrattenimento News

Rome International Documentary Festival: scelti i dieci film in concorso

Sono state selezionate le dieci opere documentarie, tutte realizzate nel biennio 2021-22, che concorreranno al Rome International Documentary Festival (RIDF), in programma dal 24 al 30 settembre al Cinema delle Provincie, a Roma. La manifestazione, alla sua prima edizione, si propone di festeggiare il cinema documentario e fornire occasioni di ispirazione e crescita per tutti […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Tecnologia Viaggi

Cagliari: meta turistica italiana preferita del 2022

Dopo due anni di pandemia, la voglia di mettersi in viaggio è più forte che mai. Secondo lo studio dell’Osservatorio Confturismo-Confcommercio, quest’anno gli italiani pronti a partire per le ferie sono stati ben 23 milioni, numero che si avvicina ai dati degli anni pre-pandemia. Circa l’85% del campione ha scelto per le proprie vacanze mete […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

“Futurismo 1910-1915. La nascita dell’avanguardia”, nelle sale di Palazzo Zabarella a Padova

“Noi futuristi, Balla e Depero, vogliamo realizzare questa fusione totale per ricostruire l’universo rallegrandolo, cioè ricreandolo integralmente. Daremo scheletro e carne all’invisibile, all’impalpabile, all’imponderabile, all’impercettibile. Troveremo degli equivalenti astratti di tutte le forme e di tutti gli elementi dell’universo, poi li combineremo insieme, secondo i capricci della nostra ispirazione, per formare dei complessi plastici che […]

Leggi tutto