“Mettiti nei miei panni” quando donare un indumento è solidarietà

Quando ci si trova davanti a un vestito troppo piccolo e ormai non più utilizzabile e ci si chiede se gettarlo o riporlo di nuovo nell’armadio, esiste un’altra soluzione: lavarlo e donarlo a chi ne ha bisogno: 20 città italiane, 200 scuole e più di 7.000 chilometri: sono alcuni dei numeri di “Mettiti nei miei panni – usati, lavati, donati”, il progetto di Dixan per la scuola creato da Henkel per coinvolgere i bambini delle scuole primarie in una maratona di solidarietà attraverso la donazione di capi di abbigliamento a favore dell’Ai.Bi., Associazione Amici dei Bambini.

Dal 26 settembre al 21 ottobre, i ragazzi saranno i protagonisti di un progetto che ha un obiettivo decisamente ambizioso: sensibilizzarli su temi di grande rilevanza sociale come la solidarietà, la sostenibilità, il consumo responsabile e il riutilizzo delle risorse.

In cosa consiste l’iniziativa?
Il Prof. Dix, la simpatica mascotte del progetto, attraverserà l’Italia da nord a sud e arriverà nelle scuole portando con sé un grande contenitore vuoto che verrà posizionato nell’atrio di ciascun istituto coinvolto.
Il progetto itinerante toccherà alcune delle maggiori città italiane: Roma, Pavia, Reggio Calabria, Alessandria, Isernia, Latina, Modena, Rovigo, Messina, Catanzaro, Varese, Pesaro, Matera, Livorno, La Spezia, Barletta, Teramo, Grosseto e Frosinone.
I bambini saranno chiamati a partecipare a una divertente lezione multimediale in cui attraverso un video-racconto verranno sensibilizzati sull’importanza dei gesti di solidarietà attraverso lo strumento della donazione.
Al termine dell’incontro verrà chiesto loro di riporre gli indumenti che vorranno donare nel contenitore posizionato nell’atrio della loro scuola. Il ricavato, ottenuto dalla vendita dei vestiti donati, andrà infatti a finanziare i progetti solidali di Ai.Bi. – Associazione Amici dei Bambini – l’onlus che da anni sostiene i bambini bisognosi.

Con l’obiettivo di coinvolgere maggiormente la famiglie e arricchire la raccolta di vestiti, in questa edizione un premio di 1.500 euro – destinato all’acquisto di materiale scolastico – spetta alla scuola che entro due settimane dalla ricezione del contenitore raccoglierà il maggior numero di chilogrammi di indumenti per alunno.

“Siamo orgogliosi di quest’iniziativa che si inserisce all’interno di un contesto più ampio di sostenibilità sociale di Henkel. Il progetto Mettiti nei miei panni Usati – Lavati – Donati, nato nel 2013, ci ha permesso fino a oggi di coinvolgere oltre 500 scuole in tutta Italia per un totale di 30.000 chilogrammi di indumenti raccolti.” commenta Malte Turk, Direttore Marketing Laundry & Home Care Henkel Italia.

Nel 2010, in occasione della sua decima edizione, il progetto Dixan per la scuola, diventato il più longevo tra le diverse iniziative promosse dalle aziende a favore del mondo scolastico, ha ricevuto il riconoscimento del Sodalitas Social Award 2010.

Cultura e Società News Tecnologia

È importate sostenere le nostre realtà locali

Think Thank eroiNORMALI promuove la prima giornata nazionale della prossimità locale. Dopo il grande successo della campagna di sensibilizzazione natalizia “Think LocaL” e grazie al supporto e alla partecipazione di numerose ed importanti associazioni nazionali di categoria, eroiNORMALI il prossimo 23 ottobre dedica un’intera giornata alla sensibilizzazione dell’importanza della condivisione basata sulla vicinanza territoriale che, […]

Leggi tutto
Cultura e Società Intrattenimento News

29 ottobre / 1° novembre 2021, “Festa del Bosco” di Montone (Pg)

Dal 29 ottobre al 1° novembre, lo storico borgo di Montone (Pg), uno dei Borghi più Belli d’Italia in Umbria, ospita la 37° edizione della “Festa del Bosco” una delle più suggestive e autentiche iniziative d’autunno in Umbria. La Festa del Bosco è una tradizione per la gente del luogo, come tradizione è che gli […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Gianni Rodari: inaugura la prima Escape room

Tra le pagine di C’era due volte il Barone Lamberto, GIANNI RODARI scrisse: “Non tutti saranno soddisfatti della conclusione della storia. Tra l’altro non si sa bene che fine farà Lamberto e cosa diventerà da grande. A questo, però, c’è rimedio. Ogni lettore scontento del finale può cambiarlo a suo piacere, aggiungendo al libro un […]

Leggi tutto