Il caffè potrebbe sparire entro il 2080

Brutte notizie per i consumatori di caffè. Una delle bevande più consumate al mondo potrebbe sparire entro l’anno 2080 a causa dei cambiamenti climatici, secondo l’istituto del clima di Sydney, in Australia.

L’organizzazione non governativa Fairtrade Australia & New Zeland sottolinea che il rischio predice che ci sarà la riduzione delle aree di coltivazione poiché le variazioni di temperatura ostacolano la crescita delle piante ed è in agguato l’aumento dei parassiti.

Secondo un rapporto dell’Istituto australiano sul clima, entro il 2050 la metà della terra arabile non sarà adatta per le piantagioni di caffè a causa dell’aumento delle temperature e della diffusione di funghi e malattie.

Se il riscaldamento globale continuerà a peggiorare nei prossimi 70 anni, le colture come il caffè potrebbero scomparire.

Nel 2012, l’America centrale è stata attraversata da un’ondata di funghi che ha causato un declino di 2,7 milioni di sacchi di caffè per il valore di 500 milioni di dollari.

Se il fungo continuerà a diffondersi il declino nella produzione di caffè non solo avrà solo un impatto sulla diffusione di questa bevanda in tutto il mondo, ma anche sui 120 milioni di persone che, in più di 70 paesi, dipendono da questa industria.

La bevanda consumata nella misura di 2,25 miliardi di tazze di caffè al giorno, scomparendo, cambierà l’uso della terra in paesi come il Nicaragua e la Tanzania.

L’aumento delle temperature, la mancanza di piogge e gli eventi meteorologici estremi faranno pressione sui paesi produttori e potrebbero ridurre le aree di coltivazione del 50%, erodendo la qualità del caffè e determinando l’aumento dei prezzi.

La produzione di caffè è triplicata dal 1960, ma, tra l’80% e il 90% proviene da piccoli agricoltori che vivono in 70 paesi sottosviluppati o in via di sviluppo. Essi sono, pertanto, i più minacciati dal cambiamento climatico e dalle sue conseguenze negative.

Senza determinanti azioni, “il caffè selvatico”, una delle risorse genetiche più importanti per quegli agricoltori che lo coltivano, potranno estinguersi per l’anno 2080, dice lo studio.

La ricerca invita i consumatori di caffè ad aiutare i piccoli produttori con l’acquisto di prodotti dal commercio equo e solidale e a scegliere solo quei marchi che contribuiscono alla riduzione dell’inquinamento.

News Scienza

Basta violenze sui cavalli, l’appello di Eurogroup for Animals

Una nuova indagine condotta da Animal Welfare Foundation sulle cosiddette fattorie del sangue in Islanda denuncia una serie di violazioni del benessere animale all’interno di 100 stabilimenti su 5.000 cavalli islandesi. Gli investigatori hanno scoperto violazioni del benessere degli animali in contrasto con tutte le dichiarazioni rilasciate dalle aziende farmaceutiche, dagli allevatori e dalle autorità […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Scienza

Eutanasia, “Mario”, malato tetraplegico denuncia nuovamente l’ASUR

Dopo aver ottenuto il parere favorevole del Comitato Etico sulla presenza dei 4 requisiti per l’accesso al suicidio assistito, Mario, 43 anni tetraplegico marchigiano, è stato costretto a diffidare nuovamente la ASUR Marche, perché inadempiente in merito alle dovute verifiche sul farmaco letale. Questo è, infatti, l’ultimo passaggio da effettuare prima di poter accedere legalmente […]

Leggi tutto
News Scienza

La decarbonizzazione del settore industriale italiano passa da Taranto

A margine della COP26 di Glasgow, il think tank ECCO ha analizzato il settore manufatturiero italiano per suggerire strategie e soluzioni concrete per la riduzione delle emissioni e la decarbonizzazione del settore industriale. Oggi l’Italia rappresenta la settima potenza manifatturiera del mondo e la seconda in Europa. Il settore industriale impiega circa 4 milioni di […]

Leggi tutto