Giovani, attenzione alla testa! I traumi, anche piccoli, sono pericolosi

Le persone che hanno avuto una lesione cerebrale prima dei 25 anni sono più a rischio di mortalità prematura e di disturbi psichiatrici, secondo un nuovo studio britannico.

Il danno cerebrale può causare problemi a lungo termine, che si tratti di commozione cerebrale, di leggero trauma cranico o di una lesione più grave, il rischio di complicazioni neurologiche è presente.

Tra i giocatori di calcio, di Rugby, tra i pugili, ad esempio, ci sono più casi di depressione, suicidio, encefalopatia post-traumatica cronica, disturbi del comportamento, disturbi dell’umore e sindrome di Parkinson, secondo un nuovo studio pubblicato dalla rivista PLOS Medicine.

I ricercatori all’Università di Oxford, negli Stati Uniti, per giungere alle loro conclusioni hanno analizzato i dati di 100 000 svedesi nati tra il 1973 e il 1985, che erano state vittime di una lesione alla testa prima dei 25 anni.

La situazione di ogni partecipante allo studio è stata confrontata con quella dei loro fratelli e sorelle, che non avevano mai avuto alcun danno al cervello.

Gli autori dello studio hanno seguito ogni paziente per una media di otto anni e hanno fornito alcuni dettagli sulla natura di ogni lesione, come pure una storia medica dei volontari.

“Abbiamo scoperto che un trauma alla testa nell’infanzia ha abbastanza costantemente come conseguenza un rischio successivo di mortalità prematura  o di sviluppo di problemi psichiatrici, ha detto l’autore principale dello studio, Seena Fazel, precisando che “gli effetti sono ancora più marcati per coloro che hanno sperimentato lesioni ricorrenti o pesanti”.

Per i ricercatori studi ulteriori dovranno fornire maggiori dettagli e spiegazioni relativamente ai rischi connessi con questo tipo di trauma.

Cultura e Società News Scuola Varie

Decolonizzare l’educazione attraverso l’arte

Un nuovo progetto europeo guidato dall’Università Iuav di Venezia, finanziato dal bando per progetti di cooperazione europea 2020 I dati sull’accesso all’educazione universitaria in Europa denotano una sottorappresentazione delle minoranze, in particolare di studenti con background migratorio di prima e seconda generazione, nonostante questi rappresentino uno dei segmenti più dinamici della popolazione scolastica in termini […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute Varie

Walter Ricciardi, tra 2 o 3 settimane lockdown generalizzato?

Domenica, un’ampia riflessione di Walter Ricciardi, direttore scientifico del Festival della Salute Globale (9 al 15 novembre 2020) assieme con Stefano Vella, su Covid19, vaccino e lockdown: “Sicuramente tutto il 2021 sarà un anno dedicato alla battaglia contro il virus. Sappiamo per certo che una pandemia finisce quando tutti i paesi del Mondo non registrano […]

Leggi tutto
Varie

Ripresa: serve più sostenibilità e rispetto dell’ambiente

Più sostenibilità e rispetto dell’ambiente per aumentare la resilienza dell’industria tricolore, ma senza un quadro normativo chiaro, l’Italia rischia di perdere il treno della ripresa A cura di Riccardo Porro, Chief Operations Officer di Cariplo Factory La pandemia da Coronavirus ha messo a nudo la fragilità del nostro modello di sviluppo economico rendendo evidenti due […]

Leggi tutto