L’esercizio fisico moderato contrasta il prediabete

L’esercizio fisico moderato, come camminare a ritmo sostenuto, potrebbe rivelarsi più efficace dell’allenamento ad alta intensità contro i sintomi del prediabete.

Nell’ambito di uno studio randomizzato, l’Università Duke (North Carolina, Usa), per 6 mesi ha seguito 150 partecipanti a cui i medici avevano diagnosticato un prediabete.

I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi. Uno di loro ha seguito il cosiddetto programma di prevenzione del diabete progettato per ridurre il peso del 7% su un semestre con la diminuzione dell’assunzione di calorie e grassi e l’aumento dell’esercizio fisico. Dal punto di vista sportivo, questo gruppo ha condotto l’equivalente di 12 km di camminata a settimana.

Uno dei gruppi ha condotto solo un piccolo numero di esercizi a intensità moderata (l’equivalente di 12 km di camminata a settimana). Un altro gruppo ha svolto una grande quantità di attività fisica moderata (l’equivalente di 18,5 km di camminata a settimana). Il terzo gruppo ha condotto esercizi intensivi (l’equivalente di 18,5 km di jogging alla settimana).

E’ emerso che  il gruppo che aveva fatto l’equivalente di 12 km a settimana esercitandosi moderatamente aveva avuto i migliori benefici.

William Kraus e Cris Slentz autori dello studio hanno concluso che l’esercizio moderato potrebbe avvantaggiare i pazienti con prediabete permettendo loro di bruciare il grasso nei muscoli, mentre l’esercizio ad alta intensità tende a bruciare più glucosio.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista ‘Diabetologia’.

Lifestyle News Salute

Terza dose vaccino anti-Covid: “non è necessaria”

Recenti studi condotti dal CDC –Centers for Disease Control and Prevention e dall’ACIP – Advisory Committee on Immunization Practices sono stati analizzati dalla Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) che ne ha tratto un report in cui attesta che le dosi di vaccino (una o due a seconda del vaccino) attualmente […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Variante Delta e percezione del rischio per COVID-19

Con l’aumento dei contagi da variante Delta, gli spostamenti da un paese all’altro per le vacanze, gli assembramenti per eventi sportivi o spettacolari, la frequentazione dei locali e tutto ciò che in questa nuova fase della pandemia da Covid-19 stiamo vivendo, è fin troppo evidente a tutti che il nostro atteggiamento collettivo rispetto al coronavirus […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Anche il cuore “invecchia”

Per chi ancora non lo conosce, il nome di questa malattia spaventa meno di altre: vuoi perché la precisazione alla “struttura” non riconduce a un immediato pericolo, vuoi perché se ne parla ancora poco. Due attenuanti che non devono distrarre dalla gravità delle Malattie Cardiache Strutturali (in inglese SHD, Structural Heart Diseases) che colpiscono oltre […]

Leggi tutto
News IN DIES