Le malattie non trasmissibili causano il 70% di tutti i decessi nel mondo

Morti premature da cancro , malattie cardiache, diabete e malattie polmonari sono giunte ad essere la causa del 70% di tutti i decessi a livello mondiale nel 2015. Sono passate dal 42% di tre anni fa (nel 2012) al 70% dello scorso anno.

Lo ha fatto presente l’OMS, osservando che le malattie non trasmissibili rappresentano una grave minaccia per lo sviluppo sostenibile delle nazioni.

Tumori, Diabete, Malattie cardiovascolari e Polmonari sono la principale causa di morte delle persone di età inferiore ai 70 anni, e presentano una grave minaccia per lo sviluppo sostenibile del pianeta.

L’agenzia delle Nazioni Unite, nell’ultima valutazione sulle malattie non trasmissibili (MNT) dice che è necessario intensificare l’azione nazionale per raggiungere gli obiettivi globali che i governi hanno concordato al fine di proteggere la gente.

Gli obiettivi prevedono che si riducano le morti premature per malattie non trasmissibili del 30% entro il 2030.

Lifestyle News

Neonati: documento intersocietario sull’Alimentazione complementare

Quando avviare lo svezzamento? È possibile far provare qualsiasi alimento ai bambini che iniziano l’alimentazione complementare? Alimentazione complementare e autosvezzamento sono la stessa cosa? A queste e a molte altre domande risponde il Documento intersocietario sull’Alimentazione complementare promosso dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) in collaborazione con la Federazione Italiana Medici Pediatri […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute Tecnologia

Il diabete giovanile ama la tecnologia

I ragazzi in classe lo hanno imparato da tempo: il suono della campanella coincide anche con la consegna dei dispositivi elettronici. Gli unici device ammessi sono quelli dei ragazzi con diabete mellito di tipo 1 che devono tenere sul banco per verificare se ci sono variazioni significative nei livelli di glicemia. Un numero considerevole visto […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Fratture: il trattamento chirurgico è privilegiato

“L’indicazione alla chirurgia nel trattamento delle fratture all’avambraccio nei bambini (che sono in assoluto le più frequenti dell’arto superiore) è aumentata negli ultimi anni del 20%. Intervenire chirurgicamente assicura, infatti, migliori risultati rispetto al trattamento conservativo in gesso, che mantiene comunque un ruolo da protagonista, e soprattutto garantisce un periodo di malattia più breve e […]

Leggi tutto