Figlio di Osama bin Laden minaccia gli Stati Uniti

Un figlio del defunto leader di al Qaeda, Osama bin Laden, ha minacciato vendetta contro gli Stati Uniti per l’assassinio di suo padre.

In un audio audio di 21 minuti, intitolato “Siamo tutti Osama”, Hamza bin Laden dice che al Qaeda continuerà a condurre la jihad, o Guerra Santa, contro gli Stati Uniti in risposta alla loro “oppressione” dei musulmani.

“Se pensa che il suo crimine peccaminoso commesso ad Abbottabad passi senza punizione, allora pensa male”, dice il giovane riferendosi agli Usa.

Bin Laden è stato ucciso a maggio 2011 in un raid statunitense nel complesso di Abbottabad, in Pakistan.

Hamza, che dovrebbe avere circa 25 anni, non si sa dove sia. Pare che il ragazzo fosse con suo padre in Afghanistan al momento degli attacchi dell’11 settembre e che abbia vissuto successivamente con lui in Pakistan.

Gli analisti ipotizzano che egli si appresti ad assumere la leadership di al Qaeda.

News Notizie

Maltrattamenti e uccisioni di animali, inchiesta Zema di Cremona

A seguito della denuncia da parte di Animal Equality Italia nei confronti dell’impianto di macellazione Zema S.r.l., la Procura di Cremona ha rinviato a giudizio il titolare del macello per maltrattamento di animali e, su richiesta dello stesso, gli ha consentito la messa alla prova, ovvero la possibilità di sospendere il procedimento penale a fronte […]

Leggi tutto
News Notizie

Terzo Settore: non snaturare le finalità originarie del 5 per mille

Dal 2006 il “5 per mille” consente agli enti del Terzo Settore di svolgere attività di interesse generale con ampia ricaduta sociale che diversamente non si potrebbero realizzare. Attraverso questo strumento di sussidiarietà fiscale, lo Stato dà al contribuente la possibilità di decidere a chi destinare una quota delle imposte dovute, scegliendo fra gli enti […]

Leggi tutto
News Notizie

Mercato del lavoro USA, è davvero un momento positivo?

A cura di Jeffrey Cleveland, Chief economist di Payden Nonostante il PIL statunitense del primo trimestre sia stato negativo e nonostante i comprensibili timori di recessione, attualmente i dati relativi a salari e occupazione continuano ad essere piuttosto positivi. L’occupazione negli USA sta registrando un trend di forte crescita, con un aumento di 500.000 posti […]

Leggi tutto