La felicità è nel piatto

La felicità è nel piatto. Lo sapeva bene Ippocrate, il padre della medicina occidentale, e lo sapevano bene gli antichi maestri delle millenarie culture, indiana e cinese, che pure tramite gli alimenti curavano le malattie.

Ora, in molti sanno che ciò che si mangia contribuisce a tenere lontana la depressione.

Certa frutta o verdura, il pesce, ad esempio, hanno la capacità di fare felici. Una banana, un avvocado o anche delle sardine e un po’ di cioccolato contengono ingredienti che possono portare il buonumore.

Un medico francese, Bernard Fontanille, e un giornalista, sempre francese, Laurence Grézaud, hanno sviluppato questa teoria in un loro libro, ma anche in Italia non mancano le pubblicazioni sulla relazione tra alimentazione e buonumore.

La banana, dicono gli autori del libro francese, è la quintessenza del benessere, grazie alla sua alta concentrazione di triptofano, un aminoacido che il corpo converte in serotonina e che migliora l’umore. Ma la banana non è l’unico alimento che può dare la felicità: merluzzo, rana pescatrice o fegato, a loro volta, possono farlo.

L’avocado, eccellente per la salute con positivi effetti sull’ipertensione, il colesterolo e il diabete, ha buoni effetti anche sul morale attraverso la tirosina che contiene. La tirosina è un aminoacido da cui si sviluppano dopamina e norepinefrina, due neurotrasmettitori che hanno effetti favorevoli sulla libido e sulla socialità. Infine, grazie al suo contenuto di magnesio, l’avocado agisce come un anti-stress.

Un recente studio ha mostrato che il consumo di cioccolato scuro (con più di 60% di cacao) stimola la capacità del cervello, oltre ad avere un effetto euforico.

L’uso terapeutico dello zafferano, inoltre, da migliaia di anni è stato considerato precursore della felicità nella medicina tradizionale orientale. Ha effetti antispasmodici, digestivi, antidolorifici… e la medicina cinese utilizza questa spezia per più di 90 malattie, compresa la depressione. Lo zafferano avrebbe le stesse implicazioni del Prozac, ma senza i suoi effetti collaterali. Tuttavia, è controindicato nei bambini che hanno meno di 6 anni e nelle donne incinte.

Le sardine, infine, tramite l’acido grasso DHA, contenuto principale degli omega 3, aiutano il tessuto nervoso.

Noi, in base a varie pubblicazioni italiane, aggiungiamo che per combattere la depressione sono utili anche la farina d’avena e i cereali integrali, ricchi di vitamina B1 o tiamina, acido folico e zinco, componenti nutritivi che aiutano a migliorare l’umore e a combattere la depressione.

Le fragole, come i mirtilli, le prugne, come un po’ tutta la frutta e la verdura in genere, combattono i radicali liberi. Gli spinaci, per il loro alto contenuto di acido folico aiutano a superare le forme depressive, i semi di zucca (non salati), che contengono, a loro volta, il triptofano, aiutano a migliorare l’umore.

Lifestyle News Salute

Malattie Reumatologiche: le novità terapeutiche dei biobetter

Novità significative per le Malattie Reumatologiche come artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite. Recenti studi, infatti, hanno confermato la validità e i numerosi vantaggi offerti dai farmaci biobetter, un’evoluzione tecnologica dei farmaci biosimilari. L’esempio di questa nuova frontiera terapeutica è rappresentata dalla nuova formulazione di somministrazione dell’anticorpo monoclonale Infliximab, farmaco biosimilare prodotto dalla sudcoreana Celltrion Healthcare, […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

A Lecce esperti a confronto su valvulopatie mitraliche

Due giorni di sessioni, dibattiti e confronto sulle più recenti innovazioni in merito alla diagnosi e alla cura delle patologie valvulopatie mitraliche a Lecce, nel congresso biennale ideato e organizzato dalla Mitral Academy Mitral Academy (MICS). “Il MICS è un congresso molto importante per tutti gli appassionati di diagnosi e terapia della mitrale, esperti nazionali […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Estate: allarme infezioni sessualmente trasmesse

L’estate e i viaggi implicano un incremento delle relazioni tra individui, tanto più desiderate dopo due anni condizionati dalle restrizioni per la pandemia. Questo contesto può favorire rapporti sessuali occasionali, con il rischio di Infezioni Sessualmente Trasmesse (IST): in primis l’HIV, ma anche le epatiti virali, il papilloma virus, le infezioni batteriche di clamidia, gonorrea, […]

Leggi tutto