Un cerotto contro le apnee notturne

Un semplice cerotto da mettere sulla bocca può ridurre il russare e limitare le apnee notturne, secondo un nuovo studio.

I ricercatori del Brigham and Women Hospital di Boston (USA) hanno testato su 30 pazienti un cerotto monouso che permette di limitare le apnee notturne e il russare. Il cerotto è semplice ed economico e obbliga a respirare attraverso il naso, mentre si dorme, come ha spiegato il professor Jaydip Ray, chirurgo ORL a Sheffield.

L’apnea del sonno dà affanno, a causa dell’occlusione delle vie respiratorie: il palato molle e la lingua si rilassano e “cadono” nella parte inferiore della gola,  ostruendo parzialmente la faringe.

Disturbo piuttosto diffuso, mina la qualità del sonno e fa sentire stanchi durante il giorno.

La respirazione si interrompe una o più volte oppure rallenta molto durante il dormire, con pause respiratorie che vanno da pochi secondi ad alcuni minuti, in genere, (o anche per più di 30 in un’ora, in casi eccezionali). Di solito la respirazione riprende, in alcuni casi con il russare.

Il trattamento si basa sull’uso di un respiratore, che fornisce una pressione positiva continua (PPC) e previene l’apnea.

E’ possibile ridurre il russare anche riducendo i fattori di rischio, come il sovrappeso e il fumo.

Secondo gli esperti, le persone che soffrono di apnea nel sonno hanno più probabilità di avere problemi di memoria spaziale e vari sintomi dismetabolici che provocano patologie cardiovascolari.

Alcuni farmaci, come i sonniferi, e i cambiamenti ormonali, durante la menopausa, possono portare a rilassare i muscoli della mascella.

Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Long Covid: la metà dei pazienti ha sintomi due anni dopo l’infezione

Dopo due anni di pandemia abbiamo imparato a convivere con il Covid-19, ma oggi sappiamo di più sugli effetti a lungo termine. Secondo il più lungo studio di follow-up fino effettuato pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine, la metà dei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale ha ancora almeno un sintomo due anni dopo l’infezione […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Allergie primaverili, quanto incidono sugli occhi?

Con l’’arrivo del caldo e della bella stagione arrivano anche le allergie primaverili; questo periodo dell’anno è infatti quello con la maggior produzione di pollini da parte delle piante, che si concentrano nell’aria e possono far nascere le temute reazioni allergiche. Anche se in generale si parla di allergie primaverili questo termine di solito si […]

Leggi tutto