Il paracetamolo colpisce il cervello e può far fare errori

Un popolare antidolorifico da banco popolare può ostacolare il processo di rilevamento degli errori, inibendo la risposta del cervello.

Una ricerca fatta nell’Università di Toronto e nella University of British Columbia, ha trovato che l’acetaminofene (Tylenol) colpisce il cervello.

Lo studio, fatto su due gruppi di 30 persone che dovevano rilevare degli errori ha trovato che l’acetaminofene rende più difficile riconoscere un errore, cosa che può avere gravi implicazioni nella vita quotidiana.

Ora, i ricercatori si chiedono se l’assunzione di paracetamolo fa anche fare degli errori più spesso.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista ‘Social Cognitive and Affective Neuroscience’.

Lifestyle News Salute

Malattie Reumatologiche: le novità terapeutiche dei biobetter

Novità significative per le Malattie Reumatologiche come artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite. Recenti studi, infatti, hanno confermato la validità e i numerosi vantaggi offerti dai farmaci biobetter, un’evoluzione tecnologica dei farmaci biosimilari. L’esempio di questa nuova frontiera terapeutica è rappresentata dalla nuova formulazione di somministrazione dell’anticorpo monoclonale Infliximab, farmaco biosimilare prodotto dalla sudcoreana Celltrion Healthcare, […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

A Lecce esperti a confronto su valvulopatie mitraliche

Due giorni di sessioni, dibattiti e confronto sulle più recenti innovazioni in merito alla diagnosi e alla cura delle patologie valvulopatie mitraliche a Lecce, nel congresso biennale ideato e organizzato dalla Mitral Academy Mitral Academy (MICS). “Il MICS è un congresso molto importante per tutti gli appassionati di diagnosi e terapia della mitrale, esperti nazionali […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Estate: allarme infezioni sessualmente trasmesse

L’estate e i viaggi implicano un incremento delle relazioni tra individui, tanto più desiderate dopo due anni condizionati dalle restrizioni per la pandemia. Questo contesto può favorire rapporti sessuali occasionali, con il rischio di Infezioni Sessualmente Trasmesse (IST): in primis l’HIV, ma anche le epatiti virali, il papilloma virus, le infezioni batteriche di clamidia, gonorrea, […]

Leggi tutto