Aumentare il colesterolo buono non protegge

Aumentare il colesterolo buono (HDL) non ha assolutamente alcun effetto protettivo contro gli eventi cardiovascolari, secondo i risultati di un ampio studio clinico dell’Università di Alelaide in Australia, pubblicato questo fine settimana.

Lo studio si è concentrato su una molecola chiamata “evacetrapib” dei laboratori Eli Lilly, che permette di aumentare il colesterolo buono del 130%, mentre abbassa il colesterolo cattivo (LDL) del 37%. Ma questo farmaco, presentato come potenzialmente miracoloso, assolutamente non ha ridotto il rischio di infarto, ictus, angina pectoris o decesso, dovuti a questi problemi.

La fase 3 di sperimentazione clinica, che ha coinvolto più di 12.000 partecipanti che erano ad elevato rischio cardiaco, è stato arrestato nel mese di ottobre 2015 perchè questa molecola non aveva avuto l’effetto desiderato nel ridurre gli eventi cardiovascolari e la mortalità.

In media, i pazienti che avevano preso l’evacetrapib per 18 mesi avevano mostrato una riduzione del colesterolo cattivo del 37% e un aumento del 130% del colesterolo buono, rispetto ai pazienti che avevano assunto un placebo. Ma non sono state riscontrate differenze tra i due gruppi in termini di infarto, ictus e morte.

Con l’evacetrapib si registra il terzo fallimento di questa classe di farmaci per aumentare colesterolo buono e abbassare quello cattivo nel corpo.

La prima molecola in questa categoria è stata il torcetrapib, del gruppo farmaceutico statunitense Pfizer, su cui si è concluso uno studio clinico di fase 3 nel 2006 a causa di un aumento del rischio cardiaco e di morti tra i partecipanti.

Il secondo trattamento sperimentale, col Dalcetrapib, i
del laboratorio svizzero Roche, è stato abbandonato in una sperimentazione clinica di fase 2, nel 2012, vista l’inefficacia di questa molecola.

Ora si conclude l’analisi di dati provenienti da questo studio clinico con l’evacetrapib.

Lifestyle News Salute

Giornata Mondiale del Cuore, attenzione alle malattie delle valvole cardiache

Si conferma intenso il mese di settembre per le malattie del cuore. Oltre all’attesa Giornata Mondiale del Cuore (29 settembre), l’attenzione alle malattie delle valvole cardiache è stata al centro della settimana Europea appena conclusa (12-18 settembre) che ha coinvolto oltre 30mila italiani sopra i 65 anni che vengono analizzati in un importante progetto di […]

Leggi tutto
Lifestyle News

Rimodellare il viso senza chirurgia

Ridisegnare il profilo del volto senza necessariamente ricorrere al bisturi è la nuova realtà della medicina estetica. Conferire a fronte, naso, labbra e mento i giusti volumi, armonizzandone le proporzioni, senza stravolgere i tratti del viso ma ottenendo un risultato fresco e naturale, oggi è possibile grazie ai filler a base di acido ialuronico, che […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Cambiamenti climatici, malnutrizione e obesità: il rapporto tra ambiente, salute e clima

Il legame tra salute e ambiente, le ricadute del cambiamento climatico e i nuovi scenari che questo fenomeno potrebbe aprire nella diffusione di nuove malattie infettive, nell’amplificare il fenomeno dell’antibiotico-resistenza e peggiorare la pandemia silenziosa delle malattie non trasmissibile in atto da anni. Sono stati questi i temi al centro dell’incontro “Inquinamento ambientale, cambiamento climatico: […]

Leggi tutto