L’asteroide 2013 TX68 non colpirà la Terra l’8 marzo

L’asteroide 2013 TX68, che sfiorerà la Terra l’8 marzo, non è una minaccia per la vita umana. Lo ha detto la NASA, chiarendo che il corpo celeste non rappresenterà alcun pericolo, almeno per altri 100 anni.

L’asteroide, comunque, intriga gli scienziati, che non sanno determinare di preciso la sua traiettoria dato che il corpo celeste potrebbe passare a 14 milioni di chilometri o anche a 17 mila.

Anche se 2013 TX68 se non comporta un rischio di impatto, continuerà a essere studiato dalla Terraerra, poiché contiene informazioni utili dell’universo e poiché sarà ancora sulla nostra orbita il 28 settembre 2017.

La NASA ritiene che le probabilità di una collisione con la Terra, il prossimo 8 marzo, siano “non più di 1 su 250 milioni”.

Semmai dovesse colpire la terra, l’asteroide genererebbe una grande palla di fuoco nel cielo e un cratere di 100-575 metri.

Il corpo celeste ha una trentina di metri di diametro ed è quasi due volte il Chelyabinsk Meteor, che cadde 2013 in Russia.

Venne scoperto il 6 ottobre 2016 quando passò vicino alla Terra, alla distanza di 2 milioni di chilometri:

Allora, Marco Micheli del Centro di coordinamento dell’Agenzia spaziale europea NEO (NEOCC / SpaceDyS) di Frascati era riuscito a individuarlo e seguirlo fornendo le osservazioni al Minor Planet Center di Cambridge, Massachusetts.

In una prima previsione, gli esperti avevano detto che il corpo celeste avrebbe sfiorato la Terra il 5 marzo prossimo, poi l’evento astronomico è stato posticipato.

News Scienza

Crisi climatica: i danni costano quasi 3 miliardi ogni anno

Dal 2013 al 2019 il danno economico per l’Italia provocato da alluvioni e frane, eventi estremi intensificati dal riscaldamento globale, è stato pari a 20,3 miliardi di euro, per una media di quasi 3 miliardi ogni anno. È quanto emerge da uno studio effettuato da Greenpeace Italia sugli eventi estremi, scientificamente collegati alla crisi climatica, […]

Leggi tutto
News Scienza

Bambini preoccupati per il cambiamento climatico

Quanto sono preoccupati i bambini rispetto al tema del cambiamento climatico? Cartoon Network ha pubblicato i risultati di un nuovo studio condotto in alcuni paesi dell’area EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa), in cui ha analizzato le opinioni e i comportamenti di oltre 4.000 bambini in un’età compresa tra i 6 e i 12 anni […]

Leggi tutto
plastica
News Scienza

Riparte Plastic Radar per segnalare la presenza di rifiuti in plastica che inquinano

Riparte Plastic Radar, il servizio di Greenpeace che consente a tutti di segnalare la presenza di rifiuti in plastica che inquinano spiagge, mari, fondali, fiumi e laghi. Per partecipare all’iniziativa basta inviare una foto del rifiuto disperso al numero di Greenpeace +39 342 3711267 tramite l’applicazione Whatsapp. Affinché la segnalazione sia valida, è importante che […]

Leggi tutto
News IN DIES